Emergenza Salento
"Nel ricordo di Alessandro Risolo"

Snipe, ad Alghero il primo campionato sardo di classe

Pubblicato il:

Condividi:

Per la prima degli Snipe in Sardegna sono già in calendario quattro giornate di regate nello specchio acqueo antistante il borgo di Fertilia, dove dal 22 al 25 aprile si disputeranno, con tre prove al giorno, il primo campionato sardo di classe e il Trofeo San Marco. Sono organizzati dal locale Circolo del Mare in collaborazione con la flotta Snipe Sardegna e sotto l’egida della Federazione Italiana Vela. L’appuntamento era nell’aria da tempo. Da circa un anno, infatti, nel tratto tra Alghero e Porto Conte si vede in mare una piccola flotta di Snipe, “beccaccino” per i nostalgici, la deriva da regata di 4,74 metri costruita in oltre 31.000 esemplari e diffusa in tutto il mondo. Non una barca a vela qualsiasi: lo Snipe è un doppio molto tecnico in cui si sono cimentati grandi campioni quali, ad esempio, Torben Grael, Paul Elvstrøm, Robert Scheidt, Mark Reynolds, Santiago Lange e Augie Diaz.

Il progetto nasce nel 1931, negli Stati Uniti, ad opera di William F. Crosby, direttore della rivista nautica The Rudder. Oggi gli Snipe sono scafi molto evoluti e veloci, proposti da cantieri di tutto il mondo con versioni proprie.
«Lo Snipe è una deriva molto apprezzata a livello nazionale» spiega il delegato zonale Giuseppe Marras. «La classe italiana è particolarmente attiva e numerosa soprattutto in Friuli Venezia Giulia, Toscana e Lazio dove il livello dei regatanti è davvero alto. Ogni anno vengono disputate numerose regate, tra cui il Campionato Italiano, propedeutico a quello del mondo. In Sardegna, dove abbiamo costituito la flotta di recente, l’idea di queste quattro giornate di regate ha riscosso immediatamente un grande apprezzamento, tanto che Nox Oceani, Olimpic Sails e DB Marine si sono offerti di sostenere le nostra iniziativa insieme a F.M. Impianti Tecnologici e Sailing For Living, sponsor tecnici. Stiamo adesso lavorando nell’organizzazione dei dettagli per ospitare al meglio gli equipaggi».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui