Emergenza Salento
"Nel ricordo di Alessandro Risolo"

Progetto M.A.R.E. 2024, il catamarano One è salpato dalla Maddalena

Pubblicato il:

Condividi:

Mar Mediterraneo da salvaguardare: l’iniziativa speciale giunta alla sua terza edizione è voluta e sviluppata da Fondazione CVC – Centro Velico Caprera ETS con la collaborazione scientifica di One Ocean Foundation e il patrocinio della Marina Militare

Sabato 27 aprile il Catamarano One ha preso il largo da La Maddalena, “casa della Fondazione, dove tutto ha avuto inizio”, e dunque il perfetto punto di partenza e arrivo di un nuovo percorso che oltre l’Italia, toccherà la Francia e la Spagna in 10 tappe. Progetto M.A.R.E. in tre anni ha conquistato una risonanza internazionale, in virtù dei risultati scientifici prodotti che rappresentano un “unicum” nel mondo della ricerca in relazione al Mar Mediterraneo. One aveva già navigato nel 2022 attraverso tutto il Mar Tirreno, e si era spostato nel 2023 nel Mar Adriatico.

I numeri delle prime due edizioni raccontano bene il grande lavoro svolto: quasi 3.000 miglia navigate e circa 200 ospiti a bordo. E gli studi condotti sono diventati oggetto di divulgazione, articoli scientifici e anche tesi di laurea che lasciano un segno tangibile e duraturo in eredità per le nuove generazioni. “La tutela dell’ambiente è sempre stata nel nostro Dna. Già dalla metà degli Anni ‘60, al CVC Centro Velico Caprera la sostenibilità aveva un senso preciso e un’applicazione pratica”, spiega Stefano Crosta, Presidente della Fondazione CVC – Centro Velico Caprera ETS. “In 56 anni di attività la scuola ha veicolato la cultura marinara e la passione per il mare a oltre 150 mila allievi e allieve. Da questo amore il progetto è cresciuto, si è sviluppato, si è adeguato ai tempi che cambiavano e ha allargato i suoi orizzonti. Ed è anche per dare la giusta risposta a progetti come questo che un anno fa è nata la nostra Fondazione. Nei primi due anni sono saliti a bordo 6 Atenei. Quest’anno One ospita per oltre due mesi i ricercatori di Università italiane, tra cui anche la prestigiosa Stazione zoologica Anton Dohrn, di Università straniere e istituzioni come la Marina Militare, per diventare una vera e propria piattaforma di ricerca, un riferimento per il mondo scientifico e mezzo di sensibilizzazione sulla salvaguardia del mare per tutta la comunità. Un obiettivo in cui hanno creduto e condividono anche i nostri partner. Ognuno sarà fisicamente a bordo del catamarano e supporterà ad aumentare la visibilità del progetto mano a mano che questo si evolve nel corso delle settimane. È con orgoglio che possiamo vantare collaborazioni importantissime e di caratura internazionale. Tutte con le proprie competenze ed eccellenze. A iniziare da One Ocean Foundation, Marina Militare, Guardia Costiera e Regione Autonoma della Sardegna. Oltre a realtà attentissime alle tematiche del progetto che si sono affiancate fin dagli esordi. In più la certificazione da parte di ASVIS, Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile”.

Progetto M.A.R.E. 2024

Siamo estremamente felici di continuare la nostra collaborazione con la Fondazione CVC-Centro Velico Caprera ETS come partner scientifici del progetto M.A.R.E., per il terzo anno consecutivo”, dichiara Riccardo Bonadeo, Presidente One Ocean Foundation. “Fin dall’inizio, One Ocean Foundation ha creduto fortemente in questa iniziativa, che rappresenta per noi un’eccellente sintesi della nostra missione: promuovere educazione e conoscenza sulla protezione dell’ambiente marino da una parte, e dall’altra ampliare le attività di monitoraggio e ricerca scientifica ad alto impatto, in particolare sul Mar Mediterraneo il progetto M.A.R.E. ha prodotto finora dei risultati rilevanti nell’ambito dell’eco tossicologia, in particolare per quanto riguarda sia il Mar Tirreno sia il Mar Adriatico”.

La Marina Militare è da sempre impegnata con determinazione nel preservare l’ambiente marino, dimostrando una crescente sensibilità verso le questioni ambientali che caratterizzano l’epoca contemporanea”, afferma il Capitano di Vascello Paolo Spagnoletta. “Questo impegno si traduce in un’azione concreta e multidimensionale tramite le diverse campagne addestrative e operative volte alla tutela delle acque nazionali e internazionali da ogni forma di inquinamento. Alla missione di M.A.R.E, la Marina Militare offre il suo contributo con team di specialisti che si impegnano nel monitoraggio dei parametri ambientali marini, controllo e protezione della biodiversità marina, a sostegno di iniziative di ricerca scientifica”.

Le finalità di quest’anno, sono principalmente due: • Contribuire alla conoscenza e alla conservazione della biodiversità marina attraverso l’analisi di DNA ambientale, foto identificazione e di bioacustica. • Valutare lo stato di contaminazione del Mar Mediterraneo tramite analisi di ecotossicologia, studio di comunità batteriche, analisi di isotopi e dell’inquinamento da microplastica. Il focus rimane quello di avere un set di dati baseline di tutto il bacino e questa terza missione permette di raccogliere nuovi campioni dell’area del Mediterraneo Nord-Ovest. Dalla partenza di oggi da La Maddalena, a cui farà rientro il prossimo 6 luglio, il Catamarano One navigherà nelle principali aree Marine protette del Mediterrraneo Nord–Ovest e attraccherà ogni sabato di maggio e giugno in quest’ordine di tappa: Savona, Nizza, Marsiglia, Port-Argelès, Barcellona, Ibiza, Minorca, Ajaccio, Santa Teresa di Gallura, oltre a tappe intermedie come Porto Ferraio, Nizza, Montecarlo, Sain Tropez e Minorca.

(Progetto M.A.R.E. 2024, il catamarano One è salpato dalla Maddalena – Aprile 2024)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui