Emergenza Salento
"Nel ricordo di Alessandro Risolo"

Un Oceano (50) destinato a oltreoceano

Pubblicato il:

Condividi:

Avviene a meno di un anno dal varo della prima unità il secondo battesimo dell’ammiraglia Mangusta Oceano 50 celebrato nell’area dei Navicelli di Pisa da Overmarine Group. Destinato al mercato americano, Project Verona è uno yacht dislocante in alluminio di 49,90 metri f.t. e 499 GT nato dalla collaborazione tra l’ufficio tecnico del cantiere, il designer Alberto Mancini e P.L.A.N.A. Design dell’ing. PierLuigi Ausonio.
«Questo varo – ha commentato Maurizio Balducci, a.d. del Gruppo – è il dodicesimo del cantiere Overmarine con sede a Pisa, a cui faranno seguito altri due vari nei prossimi mesi. Siamo molto orgogliosi dei risultati ottenuti in pochi anni con questa divisione, che si affianca a quella delle navi in materiale composito costruite a Viareggio».
Un apprezzamento – ricorda il cantiere – che non è solo del mercato americano, ma dell’intero mondo dei superyacht. Alisa, il primo Mangusta Oceano 50, ha infatti trionfato a Londra ai World Superyacht Awards 2022, ottenendo dalla giuria di qualificati armatori il premio per la categoria “Displacement Motor Yachts 499 GT and Below, 45 metri and Above”.
Tra le peculiarità più evidenti di Oceano 50 svettano la perfetta continuità tra indoor e outdoor, la generosità degli spazi vivibili tanto all’interno quanto all’esterno, la luminosità e ariosità garantita da vetrate a tutta altezza, alcune delle quali apribili, la beach area che si affaccia su tre terrazze a pelo d’acqua interconnesse e attrezzate per garantire un contatto diretto con il mare, le due piscine infinity, una più grande nell’area prodiera del main deck e la seconda sull’ampio sun deck panoramico.
Diverse sono poi le soluzioni di layout prospettate dal cantiere. Per Project Verona l’armatore che vive in Florida ha voluto sei cabine: l’armatoriale, provvista di esclusivo balcony sul mare, sul ponte principale, Vip a tutto baglio e quattro ospiti su quello inferiore.
Lo yacht, equipaggiato con una coppia di Mtu 12V 2000 M86 da 1700 hp, raggiunge una velocità massima di 16 nodi mentre all’andatura economica di 11 può tranquillamente attraversare l’Oceano contando su 4.500 miglia di autonomia di crociera.

Ultimi articoli

L’idroguida Riviera sale a bordo di Swiss Solar Boat

Riviera Genova, azienda nota soprattutto per la posizione di primo piano nel settore delle bussole, è attiva anche nella progettazione, costruzione e svilupppo di...

Il mare e la sua essenza al centro di SEIF 2022

SEIF è l'acronimo di Sea Essence International Festival, l'appuntamento dedicato alla salvaguardia e alla valorizzazione del mare che dall'8 al 10 luglio torna all'isola...

Al via il nono Monaco Energy Boat Challenge

L'appuntamento è da lunedì 4 a sabato 9 luglio quando il Principato di Monaco ospiterà la nona edizione del Monaco Energy Boat Challenge, evento...

Nel cuore di comando di TEAM Italia

Il passaggio dall'aria infuocata dell'esterno - i capannoni dell'area artigianale di Livorno - agli accoglienti e moderni spazi della nuova sede di TEAM Italia ha...

C-MAP: con Genesis la mappatura è nelle mani degli utenti

Il brand di Navico leader nella cartografia nautica digitale e nella mappatura basata su cloud ha reso disponibili i dati cartografici Genesis basati su...

Mettetevi comodi, ne vale la pena. L’invito è di Besenzoni

Armoniche, ergonomiche, qualitativamente eccellenti. Sono le poltrone pilota di Besenzoni: 50 modelli differenti - con una produzione aumentata del 30% in tre anni -...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui