Emergenza Salento
"Nel ricordo di Alessandro Risolo"

Gennarino tene ‘o mare in cucina

Pubblicato il:

Condividi:

(di Maurizio Bertera)
«Nel mio mestiere dimenticare le proprie origini è un peccato mortale, un gesto di superbia che preclude anche la possibilità di scoperte future». È il mantra di Gennaro Esposito, uno dei più bravi e popolari cuochi italiani. La prima qualità è nota ai gourmet da almeno 25 anni, la seconda è figlia in buona parte della sua presenza nelle trasmissioni televisive – soprattutto Cuochi d’Italia – dove spicca per simpatia e capacità.Gennarino”, come è chiamato da tutti, ha avuto il merito di puntare su una cucina che rispettasse e valorizzasse il territorio, ma che nel contempo fosse il frutto delle esperienze maturate sino al 1991, con l’apertura del suo ristorante: La Torre del Saracino, nella parte a mare di Vico Equense che guarda al golfo di Napoli. Creatività appresa da campioni quali Vissani e Ducasse, ma con totale rispetto della storia, del modo di cucinare, dei prodotti, con quelli del mare in primis.

 IL RISTORANTE SI TROVA ALL’INTERNO DI UNA TORRE D’AVVISTAMENTO DEL 1300: accogliente e raffinato, vanta anche una cantina-caveau con decine di etichette che spaziano dai classici ai piccoli produttori. Esposito, senza forzare, è diventato l’alfiere della grande cucina di Campania, affiancandosi al più maturo Alfonso Iaccarino – che guida il Don Alfonso 1890, altro illustrissimo ristorante a Sant’Agata dei Due Golfi – e spingendo sull’acceleratore del gusto. La minestra di pasta mista e pesci di scoglio, la parmigiana di pesce bandiera, la zuppa tiepida di ricotta di fuscella con le triglie sono alcuni dei signature dish che l’hanno portato, nel 2001, alla prima stella Michelin, raddoppiata nel 2008: molti – noi pure – siamo convinti che meriterebbe la terza, ma Gennaro non si cruccia.

LA SUA SODDISFAZIONE PIÙ GRANDE È “FESTA A VICO, happening di tre giorni con due ingredienti unici: i migliori chef italiani e la solidarietà. Una festa iniziata nel 2002 con undici cuochi e che oggi ne raduna 350. È passato un bel po’ di tempo dagli esordi ma non è mai stato con le mani in mano. Altri approdi e iniziative hanno visto – via via – la luce con la sua firma o il suo supporto temporaneo. Ma il cuore della faccenda, il motore, resta qui. Dove una squadra assortita e generosa quanto il suo sorridente chef assicura a chi sbarca un’accoglienza di prim’ordine, sorretta da un servizio inappuntabile.

IL FULCRO RESTA, È OVVIO, LA CUCINA. Matrice di una serie di ricette: l’eterna e già citata minestra maritata, prototipo di mille variazioni sul genere; il lavoro sul baccalà; quello “black” e riuscitissimo sulla seppia e il suo quinto quarto; il bel concerto tra elementi di risonanza gustativa diversa come le ostriche e il cavolfiore o la trippa, i funghi e i frutti di mare. Un repertorio mediterraneo, godibile nei degustazione di vario impegno: sei, otto e undici piatti (rispettivamente a 165, 180 e 220 euro), sempre supportati da chance di abbinamento al calice libero (e con ampia scelta) o a cura di chi lo propone su misura. La carta – costruita day by day, con il concorso decisivo dell’executive Giuseppe Di Martino – spazia dai classici alle novità, dalla pasta mista al coniglio – passando per l’anguilla – e dalla cernia al piccione. E la lunga lista dei dessert (a cura di Carmine Di Donna) chiude in gloria una “celebration” di gola e cultura dei sapori.

ESPOSITO NON È SOLO BRAVISSIMO, MA UN ISPIRATORE DI EMOZIONI. Sul sito del locale c’è una frase importante: «Quando gusterete in un mio piatto la polpa di un riccio di mare, la ricotta di una fuscella, la pasta mista, la foglia di una zucchina, il baccello di un pisello, un piccolo pesce di scoglio, il limone, la provola e perfino il riso o l’ostrica, che non appartengono a questo territorio, voi mangerete la mia storia ma anche la mia personale ricerca del nuovo». Ecco, Gennarino, non fermarti.

ORMEGGIO PIÙ VICINO Porto di Seiano
PLUS location, tavoli all’esterno, 150 metri di distanza dal porto
INDIRIZZO: via Torretta 9, località Marina d’Equa, Vico Equense (NA),
tel. 081.8028555, prenotazioni@torredelsaracino.it www.torredelsaracino.it

I PUNTEGGI DI MAURIZIO BERTERA (da 1 a 5)

Location
Cucina
Cantina
Servizio
Rapporto qualità/prezzo

Ultimi articoli

Il mare e la sua essenza al centro di SEIF 2022

SEIF è l'acronimo di Sea Essence International Festival, l'appuntamento dedicato alla salvaguardia e alla valorizzazione del mare che dall'8 al 10 luglio torna all'isola...

Al via il nono Monaco Energy Boat Challenge

L'appuntamento è da lunedì 4 a sabato 9 luglio quando il Principato di Monaco ospiterà la nona edizione del Monaco Energy Boat Challenge, evento...

Nel cuore di comando di TEAM Italia

Il passaggio dall'aria infuocata dell'esterno - i capannoni dell'area artigianale di Livorno - agli accoglienti e moderni spazi della nuova sede di TEAM Italia ha...

C-MAP: con Genesis la mappatura è nelle mani degli utenti

Il brand di Navico leader nella cartografia nautica digitale e nella mappatura basata su cloud ha reso disponibili i dati cartografici Genesis basati su...

Mettetevi comodi, ne vale la pena. L’invito è di Besenzoni

Armoniche, ergonomiche, qualitativamente eccellenti. Sono le poltrone pilota di Besenzoni: 50 modelli differenti - con una produzione aumentata del 30% in tre anni -...

Luxury Living Group sale a bordo del nuovo RSY 40m EXP

È all'insegna del buon gusto, dell'eleganza e della raffinatezza il decor degli ambienti interni del nuovo modello di Rosetti Superyachts che, forte del successo di...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui