Emergenza Salento
"Nel ricordo di Alessandro Risolo"

Custom Line Navetta 50, flagship delle private islands

Pubblicato il:

Condividi:

Il Gruppo Ferretti ha presentato il progetto di quella che nel 2024 diventerà la nuova ammiraglia della flotta dislocante di Custom Line: una navetta in alluminio sotto i 500 GT, di 49,90 metri di lunghezza e 9,60 di larghezza. Punti di forza del quattro ponti la suite armatoriale sull’upper deck, l’interconnessione marcata tra spazi al chiuso e all’aperto, le grandi superfici vetrate e la ricercata architettura degli interni a firma dello studio ACPV Architects Antonio Citterio Patricia Viel. Il tutto all’insegna dello stile, del comfort e del benessere espressi alla massima potenza.
Ruota intorno alla scelta di posizionare la suite armatoriale a prua dell’upper deck lo studio del layout di tutti gli ambienti, che accolgono dieci ospiti e nove membri di equipaggio.

Le cabine sono cinque: quattro sul ponte inferiore e l’armatoriale su quello superiore. Quest’ultima, circondata da vetrate a tutta altezza a formare un angolo di 180°, ha accesso diretto a un’ampia terrazza privata prodiera completa di sunset solarium. L’interconnessione tra interni ed esterni si ritrova in tutte le aree ospiti e, in particolare, nei saloni principale e superiore, provvisti anch’essi di vetrate terra cielo e di superfici riflettenti che amplificano la sensazione di immersione nell’ambiente marino.
Il progetto nasce nel Dipartimento Strategico di Prodotto presieduto dall’ing. Piero Ferrari e nella Ferretti Group Superyacht Yard Engineering mentre il design degli esterni è ancora una volta a cura dell’architetto Filippo Salvetti. L’architettura progettuale e il design degli interni portano invece la firma di Antonio Citterio e Patricia Viel, dello studio ACPV Architects, che hanno voluto e saputo infondere un’anima sofisticata che esalta il carattere, i valori e l’heritage del brand, compresa la reinterpretazione della tradizione navale in chiave contemporanea. Spazio quindi ai dettagli, ricercati, e ai materiali, pregiati e sostenibili, come il cuoio naturale, utilizzato sia nelle finiture sia nei particolari degli arredi disegnati e realizzati custom. Il design degli spazi all’aperto dà forte carattere a ogni ponte, creando vere terrazze affacciate sul mare da vivere in ogni momento della giornata. Suggestiva l’area poppiera, con un beach club a pelo d’acqua direttamente collegato al dehor a poppa del ponte principale, allestito come private lounge. A integrare perfettamente i due ambienti esterni la piscina rettangolare a poppa nave. Le aree arredate esterne proseguono a prua, in uno spazio completamente personalizzabile, e nel ponte sole, con una zona lounge cui si aggiungono 70 mq di area coperta con American bar e area dining. La parte poppiera del sun deck può essere ulteriormente attrezzata di jacuzzi e solarium panoramici.

Lo studio del progetto ha posto attenzione anche al tema sostenibilità: l’utilizzo dell’alluminio (con un peso ridotto di 1/3 rispetto all’acciaio) consente su un 50 metri un risparmio dei consumi del 10/15% circa rispetto a unità di pari dimensioni e volumi. L’efficientamento migliore, ottenibile a bassi regimi e alla velocità di crociera su cui viene progettata la nave, si traduce in un + 10/15% di autonomia. La prima Custom Line Navetta 50 sarà inoltre equipaggiata di SCR (sistema di riduzione catalitica) ready. La costruzione, che avrà inizio a fine anno, avviene nella Superyacht Yard di Ancona, in cui è presente un impianto di trigenerazione in grado di ridurre i consumi di energia elettrica sino al 79% e quelli di energia termica del 32%, con un risparmio annuo di energia primaria pari al 20%.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui