Emergenza Salento
"Nel ricordo di Alessandro Risolo"

Blue Design Summit, buona la prima

Pubblicato il:

Condividi:

Calato il sipario sulla prima del Blue Design Summit, dalla platea del pubblico di professionisti, addetti ai lavori e universitari, che hanno occupato ogni poltrona libera dell’Auditorium Bucchioni di La Spezia, si è levato un plauso corale. Sporadiche eccezioni a parte, quelle che in realtà confermano la regola e si riconducono all’inevitabile mancanza di un propedeutico rodaggio in regia, il primo evento business dedicato al design, alla progettazione, alla costruzione e al refitting di superyacht ospitato nel cuore del Miglio Blu si è chiuso con l’apprezzamento della critica. Che, nel caso in questione, ha un peso specifico di rilievo, contemplando esclusivamente operatori ed esperti del complesso comparto della filiera lunga. Di spessore sono stati, in particolare, gli interventi dei 56 relatori che si sono avvicendati lungo una due giorni di incontro e confronto, a tratti gradevolmente acceso, sui temi più attuali ed urgenti dell’agenda progettuale e costruttiva internazionale, chiamando a raccolta 850 iscritti alle sessioni e 70 aziende rappresentate.

BLUE-DESIGN-SUMMIT

Al Summit – organizzato da Promostudi La Spezia, la Fondazione che gestisce il Campus Universitario cittadino, e ClickutilityTeam, riferimento nell’organizzazione di eventi b2b nei settori Blue Economy, Shipping e Logistica – sono andate in scena due giornate di conferenze e talk show, precedute da un convegno istituzionale di apertura dal titolo “Il design nautico tra terra e mare. Sostenibilità, inclusione e bellezza”, condotte da molti dei protagonisti più autorevoli e impegnati su scala globale. Otto i panel in programma, quattro per giornata, focalizzati su: mercato degli yacht, design nautico tra ambiente marino e terrestre, progettazione e costruzione, superyacht come architettura, grandi velieri, luxury cruise, materiali e interiors, design e innovazioni tecnologiche sostenibili. Interamente dedicati al networking sono stati, invece, la giornata della vigilia, con l’incontro tra i protagonisti del mondo yachting e gli studenti universitari, la visita al museo tecnico navale di La Spezia e la serata di benvenuto, così come gli eventi serali di Villa Marigola in occasione dei Blue Design Awards e di Porto Lotti per il DJ set che ha chiuso ufficialmente il Summit 2024.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui