Perini Navi, respinto in appello il ricorso Fenix

Comments (0) News, Primo piano

Perini Navi: Maltese Falcon

La Corte d’Appello di Firenze ha respinto il ricorso presentato da Fenix (la holding della famiglia Tabacchi) contro il fallimento di Perini Navi decreteato dal tribunale di Lucca il 29 gennaio 2021. Il ricorso era stato affidato agli studi legali Iannaccone di Milano e Stanghellini di Firenze. Contemporamente, si apprende che il curatore Franco Della Santa ha venduto all’asta il cantiere Perini di Yildiz (Turchia) per oltre 30 milioni di euro, una boccata d’ossigeno per le casse della società di Viareggio. Anonimo, per il momento, l’investitore.
Il piano di ristrutturazione del debito presentato da Fenix ai giudici di Lucca prevedeva un accordo con il fondo Blue Skye per un bond a quattro anni di circa 30 milioni.
Il curatore, finalmente con le mani libere, ha fretta di arrivare all’asta. Sul tavolo tre soluzioni: La prima, quella auspicata da maestranze e sindacati, vale a dire la joint venture paritetica tra due produttori globali come Ferretti Group e Sanlorenzo. Quindi gli altri due pretendenti: The Italian Sea Group e Palumbo Superyacht.
Ricordiamo che il 20 maggio il cda di Perini Navi (leggi qui) aveva deliberato la ristrutturazione del debito “auspicabilmente mediante un accordo ai sensi dell’articolo 182 bis, al fine di salvaguardare l’operatività e la continuità aziendale”.
Perini Navi, marchio storico fondato nel 1983 da Fabio Perini, è leader mondiale nella costruzione di imbarcazioni a vela oltre i 40 metri di lunghezza ed è sinonimo di eccellenza nel segmento delle unità a vela di alta gamma.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *