Nauta Design svela lo sloop di 46 metri RP-Nauta 151′

Comments (0) Barche a Vela, News, Primo piano

  • Nauta Design: RP-Nauta 151
    Nauta Design: RP-Nauta 151

Nauta Design e Reichel/Pugh svelano il progetto RP-Nauta 151′, uno sloop custom di 46 metri ad alte prestazioni in costruzione nel cantiere olandese Royal Huisman. Con quattro punti fermi: velocità, sicurezza, potenza e silenzio.
“Unire comfort e sicurezza per esplorare il mondo con un superyacht estremamente leggero, e competitivo in regata, non è stato un compito facile – spiega Mario Pedol, co-fondatore dello studio milanese Nauta Design – L’armatore voleva una barca solida, sicura e con grande autonomia, che fosse però anche efficiente e moderna con un potente piano velico”.
La richiesta arrivava da un cliente per il quale Nauta aveva già progettato uno yacht a vela di 34 metri. L’armatore si è avvalso come per il precedente progetto della grande esperienza di Nigel Ingram di MCM.
“Lavorare nuovamente per un cliente con cui si è già lavorato bene insieme è sempre molto gratificante – dice Nigel Ingram – e in questa occasione soprattutto perché non solo MCM, ma anche Nauta e Reichel/Pugh, tutti quelli che  hanno lavorato al progetto precedente, hanno ricevuto l’incarico per il nuovo progetto da questo cliente molto esperto. Un team di valore per lavorare insieme con Royal Huisman”.
“La deckhouse è essenziale, perché permette di vedere il mare stando seduti nel salone principale”, spiega Massimo Gino, co-fondatore dello studio milanese.
Sebbene la costruzione in fibra di carbonio fosse stata presa in considerazione all’inizio del progetto, in seguito il team di progettazione ha optato per una barca di alluminio, che potesse comunque garantire prestazioni elevate, ma combinate con robustezza e silenziosità per  le lunghe navigazioni d’altura.
“Ho pensato che uno scafo di alluminio pesa il 60-70% in più di uno in carbonio, ma il peso dello scafo e della coperta è solo circa il 15% del peso totale di una barca a vela – aggiunge Mario Pedol – Il nostro pensiero  iniziale  era che uno yacht a vela di alluminio potesse essere molto più leggero della media esistente nelle costruzioni in alluminio, Royal Huisman ha sostenuto questa visione con entusiasmo e ha accettato  la difficile sfida di costruire uno yacht a dislocamento leggero. Un  profondo lavoro di ricerca ha in seguito confermato la nostra intuizione iniziale”.
Lo studio Reichel/Pugh, partner di lunga data di Nauta Design, è stato scelto dall’armatore per l’architettura navale al fine di garantire le migliori prestazioni.
Per semplificare le manovre, le regolazioni delle vele sono gestite da captive winch per le scotte, e per la drizza della randa. Questo sistema automatico permette di navigare in ogni condizione, anche in modalità crociera, sempre con la potente randa square top, per regalare all’armatore un’esperienza di navigazione indimenticabile.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *