Luna Rossa k.o. La maledizione delle Idi di marzo

Comments (0) News, Primo piano, Regate

Luna Rossa

Emirates Team New Zealand  incassa i 2 punti in palio e conduce 5-3 su Luna Rossa Prada Pirelli. Questo il verdetto della quinta giornata dell’America’s Cup 2021 dopo la settima e ottava gara. Nulla è perduto ma adesso si fa dura per il team di Patrizio Bertelli.
Dopo l’annullamento delle regate del 14 marzo per mancanza di vento, Luna Rossa e Team New Zealand ripartono dal risultato parziale di 3-3. Rocambolesca la seconda gara quando Luna Rossa aveva accumulato un vantaggio di 4 minuti e circa 2,5 km di distacco: l’AC75 italiano all’improvviso cade in acqua e non riesce più a decollare, e quando finalmente riesce a tornare sui foil il distacco da New Zealand è incolmabile. Un blackout dovuto a un salto di vento, ma per certi versi inspiegabile, che rievoca le Idi di marzo (15 marzo del 44 a.c) ad Auckland. Adesso i Kiwi sono a due vittorie dal trionfo, ma non è così scontato.
Ovviamente c’è grande delusione nel team Prada Pirelli perché le partenze, sia in gara 7 sia in gara 8, erano state perfette.
“Oggi abbiamo perso due punti – il commento di Pietro Sibello, randista – Però abbiamo dimostrato di tenere duro e in partenza abbiamo dato battaglia. Loro in queste condizioni ci sono sembrati più veloci di noi, soprattutto nella prima prova. Nella seconda regata, abbiamo eseguito un’altra partenza molto bella e anche in quel caso abbiamo lottato molto. Purtroppo c’è stato quell’errore nella seconda bolina dove siamo caduti dai foil in una virata con vento super leggero, in pieno calo, e lì ci hanno superato e hanno portato a casa il punto. Domani è un altro giorno e lo spirito deve essere questo, lottare e tener duro fino alla fine”.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *