Vittoria Yacht: primo explorer firmato Sergio Cutolo

Pubblicato il:

Condividi:

Posa della chiglia per Bow Sprit, primo motoryacht della linea Explorer di Vittoria Yachts, un 50 metri dalla stazza al limite delle 500 GT. Il Keel Laying si è svolto ad Adria (Rovigo), nello stabilimento del Cantiere Navale Vittoria, alla presenza del presidente Paolo Duò, dell’ad Michele Zorzenon, e di Sergio Cutolo, progettista del motoryacht. Un rituale benaugurante di origini antiche che rappresenta il primo passo nella realizzazione del primo esemplare della categoria che la nuova divisione di Casa Vittoria prevede di ultimare nel 2023.
Bow Sprit, firmato dalla Hydro Tec di Sergio Cutolo, è stato progettato per lunghe navigazioni e per il charter, e si caratterizzerà, in prima battuta, per la delfiniera di prua che ispira il nome del progetto.
“Questa giornata rappresenta per noi un traguardo – spiega Paolo Duò, presidente del Cantiere Navale Vittoria, intervenendo alla cerimonia – E’ la testimonianza di un’evoluzione generazionale in grado di proseguire nella tradizione di innovazione e spinta verso il futuro promossa da mio nonno Luigi, fondatore dell’azienda. Quello che trent’anni fa mio cugino Fabio Duò aveva accarezzato come sogno tramite i suoi visionari progetti, sta ora prendendo forma, e non potremo esserne più emozionati. Ringrazio il team che ha lavorato al progetto negli ultimi anni. Nonostante il periodo difficile, questo è per noi uno spiraglio di luce importante, per un indotto che sarà indubbiamente rafforzato da una rinnovata visibilità internazionale”.
“Dopo quasi un secolo di esperienza in costruzioni all’avanguardia – commenta Michele Zorzenon, ad di Vittoria Yacht- vere eccellenze del settore militare, commerciale e civile, inauguriamo con orgoglio la costruzione di un nuovo tipo di mezzo, perfetto per questo momento storico. Il Bow Sprit infatti garantirà lunghe navigazioni, permetterà di raggiungere ogni punto del globo con tutti i comfort possibili, per esperienze indimenticabili”.
“L’inizio della collaborazione con un cantiere è sempre un momento di grande emozione – racconta Sergio Cutolo – ma allo stesso tempo comporta uno sforzo notevole per cogliere l’essenza identitaria del cantiere stesso. Se questo è vero per un cantiere che ha già una sua produzione consolidata, lo è ancora di più nel caso, come quello del Cantiere Vittoria, in cui non vi sia alcun passato riconducibile alla produzione di yacht o imbarcazioni da diporto. Sicuramente la capacità del Cantiere di progettare e produrre mezzi veloci con elevate caratteristiche di tenuta al mare rappresentava un elemento di grande attrazione e suggeriva la creazione di una piattaforma veloce, prestazionale e sofisticata nella tecnologia. Considerazioni di carattere commerciale hanno fatto propendere la scelta verso una piattaforma più tradizionale ma, scuramente, più flessibile e adattabile alle diverse esigenze di mercato”.

BOW SPRIT
Il motoryacht si distinguerà per le linee decise e mascoline e la capacità di offrire una originale distribuzione degli spazi aperti che potranno essere agevolmente convertiti in funzione delle necessità dell’armatore. Una grande piscina situata all’estrema poppa costituirà il fulcro della zona beach club, una seconda piscina, situata sul ponte più alto, per l’intrattenimento degli ospiti per le lunghe navigazioni e una grande coffa situata al di sopra dell’hard top consentirà una visuale a 360 gradi.
Il layout si svilupperà su 5 o 6 cabine offrendo ampi spazi alla zona equipaggio che ospiterà 8 membri più il comandante. Il tender sarà ricoverato in un garage sottocoperta con portellone laterale per il varo, una soluzione che consente un isolamento ancora più efficace per le cabine ospiti rispetto alla sala macchine. Un peculiare aspetto sarà rappresentato dai tender posizionati a metà nave sul piano inferiore, a cui sarà possibile accedere tramite le scale su entrambi i lati del ponte principale. Gli spazi saranno destinati ad essere utilizzati come giardino d’inverno, spazio apribile o chiudibile grazie a pannelli di scorrimento in vetro. La timoneria è disegnata con una walk-around consolle e un divano. Da sottolineare il sun deck con tutto il necessario per i momenti di convivialità, mentre una seconda piscina sarà sormontata da una coffa o dal piano di osservazione.
Spinto da motori MTU 16V2000M61, l’imbarcazione potrà raggiungere una velocità massima di 16 nodi, una velocità di crociera di 14 nodi e un’autonomia di oltre 6mila miglia nautiche a una velocità economica di 10 nodi.

━ ultimi articoli

Amer F 100, globetrotter di razza

Parco nei consumi, esaltante nelle prestazioni e raffinato nel design, il 29 metri di Amer Yachts è un bell'esempio di made in Italy. Tanto...

Mirazur, approdo francese con «accento» italiano

  (di Maurizio Bertera) Nel giugno 2019 il Mirazur venne designato miglior ristorante del mondo dalla The World's 5 Best Restaurants, la classifica più prestigiosa del...

Navigare green non è uno slogan

Condividiamo con voi, data la stringente attualità del tema, il diario di bordo scritto all'indomani di un'esperienza vissuta nell'estate del 2014 con la convinzione...

Salpa Il Ristonauta, al timone Maurizio Bertera

Cari lettori, ci siamo: se, incuriositi dalle importanti novità anticipate a fine anno con l'annuncio della nuova rotta intrapresa da Gentedimare 2.0, vi stavate...

Club Nautico Marina di Carrara, un futuro avanti tutta

(di Olimpia De Casa) È lucida la visione di Carlandrea Simonelli, presidente del Club Nautico Marina di Carrara, che, da velista e armatore che ben...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui