Cantieri Navali Leopard, il grande ritorno

Comments (0) Barche a motore, Cantieri, News

  • Cantieri Navali Leopard: il 40 metri
    Cantieri Navali Leopard: il 40 metri
  • Michele Parini
    Michele Parini
  • Alessandro Miele
    Alessandro Miele

Due spettacolari superyacht per un ritorno in grande stile dei Cantieri Navali Leopard, storico brand toscano guidto da un team di imprenditori italiani da sempre attivi nel settore, con un nuovo e ambizioso progetto industriale: due superyacht, appunto, rispettivamente di 40 e 50 metri. Saranno costruiti a Pisa su progetti firmati rispettivamente da Enrico Gobbi (Team for design) e da Paolo Giordano (PGYD), due designer di fama incaricati di creare un nuovo stile, tra memoria e futuro, una storia di innovazione tecnica e di design. Tre sono i punti di forza. I Cantieri Navali Leopard fondano la loro identità su un notevole bagaglio di conoscenze tecniche e commerciali nel mondo dei superyacht, lo spirito imprenditoriale dei professionisti alla guida del progetto e la posizione strategica nell’area pisana dedicata alla super nautica, i Navicelli. La sede produttiva si estende su un’area di 5mila metri quadrati coperti e di 7.500 metri quadrati di piazzali che sono dotati di travel-lift e di darsena privata, perfettamente idonei per costruire e commercializzare imbarcazioni e navi da diporto fino a 55 metri di lunghezza e offrire rimessaggio e service. Da ricordare che, oltre al brand Leopard, la società produce le linee Evolution ed Open Sport by Leopard, e detiene i brand AP, Gabbianella, Tripesce, capaci di coprire una gamma di oltre 20 modelli per rispondere alle molteplici esigenze sia del diporto nautico sia delle barche da lavoro.
Alla guida della società ci sono il presidente Michele Parini e il ceo Alessandro Miele, due imprenditori di lunga esperienza nello yachting, che hanno deciso, insieme con un team di collaboratori competenti e ambiziosi, di avviare e affrontare questa nuova sfida con lo scopo di ruportare il brand del Leopardo al rango che gli compete nella grande nautica internazionale.

LE NUOVE PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI
Un progetto di tali dimensioni si candida a diventare così un volano di attività lavorative che conseguentemente si genera nel lavoro di costruzione di imbarcazioni di queste dimensioni, la cui gestazione in cantiere va dai 24 ai 36 mesi. Si prevede dunque che gli  attuali 15 dipendenti diretti vadano a raddoppiarsi in 2 anni, ma possono arrivare anche a decuplicare se si conta la necessità di impiegare maestranze esterne specializzate, che saranno tutte locali in quanto cresciute e formate in un territorio che ha sempre avuto una forte vocazione per il settore della nautica, parti di eccellenza della filiera produttiva dell’area pisana, rinomata in tutto il mondo per la sua qualità e il know-how.

A MARZO IL VARO DEL MODELLO EVOLUTION 6.0
Mentre si lavora all’avvio della linea Navi da Diporto – History 40 (modello veloce e performante) e Classic 50, (semiplanante), entrambi totalmente custom – entro marzo sarà varata la prima unità della linea Evolution by Leopard, che prevede soluzioni originali e tecnologie innovative non ancora adottate fino ad oggi nella nautica. Evolution 6.0, imbarcazione di 18 metri fuoritutto per 5 metri di larghezza e 6,5 metri di altezza, motorizzata con potenti fuoribordo, è una novità a livello mondiale: un’imbarcazione così imponente, di quasi 30 tonnellate, spinta da motori fuoribordo, è infatti una soluzione mai vista prima. E a questo modello ne seguirà un altro più grande di 80 piedi.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *