Nasce Green Blue Route per il diporto nei parchi marini

Comments (0) Diporto, News, Ultima ora

Green Blue Route

Si chiama Green Blue Route, progetto finanziato dal Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020 che avrà una durata di due anni e un budget a disposizione di 584.993 euro. Obiettivo: promuovere il charter e il turismo nautico nei parchi e aree marine protetti attraverso pacchetti e itinerari yachting totalmente ecocompatibili. La call per i servizi alle imprese sarà attivata nel mese di aprile 2020.
Capofila del progetto europeo che coinvolge cinque partner italiani e francesi dell’alto Mediterraneo è Navigo società per l’innovazione e lo sviluppo della nautica, punto di rifermento dello yachting toscano. Il gruppo appena costituito ha vinto il bando europeo BlueHub (azienda speciale della Camera di commercio Riviere di Liguria, Confindustria Centro Nord Sardegna, Camera di Commercio di Nizza e Velando, una rete di Pmi di charter nautico della Sardegna).
L’obiettivo generale è sviluppare e promuovere il territorio transfrontaliero grazie alla triangolazione delle rotte charter e dell’innovativo turismo nautico fatto di itinerari marini e approdi in zone costiere ad alto valore naturalistico e culturale o all’interno di parchi e aree marine protette quali il Parco dell’Asinara, Area Marina Protetta di Portofino, Santuario dei cetacei nel Mediterraneo (tra Liguria, Provenza e Sardegna settentrionale).
Due le azioni previste dal progetto: a livello generale, i soggetti coinvolti produrranno un piano per la promozione del charter green e una comunicazione adeguata delle mete presenti nei paesi coinvolti (Liguria, Sardegna, Toscana e Regione Paca). Il secondo aspetto, altamente attrattivo per nuove imprese o aziende che già operano nel charter e nello yachting, è la possibilità di avere a disposizione voucher di finanziamento per consulenze e attività di miglioramento dei servizi offerti e delle caratteristiche green imprenditoriali: dalla certificazione, alla promozione internazionale di pacchetti, a incontri B2B attraverso i canali dei settori turismo e yachting. Il progetto durerà due anni, quindi – indicativamente – l’avvio nel mese di maggio di quest’anno fino all’erogazione di voucher per le imprese nei primi mesi del 2021.
Entro la fine di aprile 2020, Green Blue Route andrà a definire un business plan che disciplinerà gli specifici servizi offerti e lancerà la call aperta alle imprese charter nautico che soddisferanno le condizioni richieste dall’avviso pubblico e le cui proposte saranno ritenute maggiormente legate agli obiettivi del progetto.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *