Nautilia 2020, torna il più grande salone dell’usato

Comments (0) News, Primo piano, Saloni

  • Nautilia
    Nautilia

Torna puntuale Nautilia, il salone dell’usato che da 33 anni si svolge ad Aprilia Marittima (Latisana, Udine), in programma nei weekend 17-18-19 e 23-24-25 ottobre. La simbologia dell’edizione numero 33 lascia spazio a numerose interpretazioni tra le quali troviamo quella di impegno totale dedicato quest’anno alla rassegna, non solo per l’organizzazione dell’evento, ma anche nella logica di garantire la piena sicurezza ai visitatori.
“Da più parti arrivano segnali che, se non sono ancora quelli di un’evidente ripresa, di certo non lo sono di resa e, indipendentemente vengano reintrodotte le restrizioni per l’organizzazione di fiere dovute a un eventuale secondo lockdown, Nautilia comunque ci sarà, con una novità che siamo certi incontrerà il favore del pubblico e verrà ripetuta anche nelle prossime edizioni – dicono gli organizzatori, Eugenio Toso e Stefano Rettondini – Questa novità che potremo chiamare tour virtuale consentirà di sviluppare un’attività online attraverso il nostro sito e sui social network.  Il video delle molte imbarcazioni presenti in fiera è stato inserito sul sito nautilia.com, e ciascuna imbarcazione sarà corredata da una scheda tecnica esaustiva con ogni notizia sul suo stato. Di conseguenza il pubblico interessato ha ampliata la una più ampia possibilità di esplorare le barche in mostra presentate in anteprima online, facendo visite digitali virtuali dei loro interni ed esterni. Da sottolineare che questo sforzo è stato possibile attraverso l’elevato livello di collaborazione con i dealers espositori e gli organizzatori della manifestazione”.
Secondo una consolidata tradizione, arrivano proprio da Nautilia le prime indicazioni di come andrà la stagione 2021 e stando alle informazioni che gli espositori ci hanno fornito in questi giorni di preparazione, c’è un giustificato ottimismo. La barca infatti è un ambiente protetto, che permette il distanziamento e quindi tra tutti i settori del turismo è quello che offre le maggiori garanzie.
Tra le oltre 200 imbarcazioni usate esposte dai vari cantieri, quest’anno in particolare notiamo l’aumento di moderni e confortevoli natanti con motori fuoribordo entro i 40 cavalli che si possono guidare senza patente, oppure per chi vuole percorrere distanze pù lunghe con motori più potenti.
Gli organizzatori, quindi, si attendono che Nautilia, serva a consolidare i risultati del 2020 degli operatori, risultati che comunque non sono stati negativi e creare le prospettive per un buon 2021.
Altra importante novità della rassegna è la presentazione di una nuova associazione, il Polo Velico Aprilia Marittima, il cui nome riassume il coinvolgimento delle discipline veliche più comuni, Derive, Windsurf, Kiteboarding, esercitando la propria attività nelle struttura dei Cantieri di Aprilia. Un’alternativa che si propone di offrire ai ragazzi dai 6 ai 15 anni che vogliono lasciare alle spalle la frenesia delle chat, dimenticare lo smatphone, il fumo o la droga, la possibilità per consolidare amicizie, divertirsi, crescere con sani principi etici e irrobustire il proprio fisico con una sana fatica all’aria aperta.
Eugenio Toso e Stefano Rettondini, infine, ricordano due importanti convegni organizzati dallo Yachting Club Aprilia Marittima che si terranno nei due weekend di fiera alle 1100 con tema La gestione delle urgenze sanitarie in mare e Gli aspetti legislativi sulla difesa personale.
Particolare rilevanza poi assume la rassegna Nautilia nell’ambito territoriale del Friuli Venezia Giulia, che ha voluto puntare prima di ogni altra regione d’Italia, sulla nautica, quale elemento di progresso di tutto il comparto turistico. La Regione ha saputo investire in ricettività, acquisendo con un’offerta di 23 marine e 15mila posti barca raggruppati nella rete FVG Marinas un ruolo importante nel turismo nautico in Italia.
Per ulteriori dettagli: www.nautilia.com – mail: [email protected] – tel. 0431-53146

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *