La Spezia in Blu, nasce il distretto della nautica

Comments (0) News, Primo piano

La Spezia. Porto Lotti

Gentedimare2.0 lo aveva annunciato poco più di un anno fa, il 25 aprile 2019 (leggi qui). Oggi il progetto Miglio blu della nautica diventa realtà. A La Spezia, il governatore della Liguria, Giovanni Toti, e il sindaco della città, Pierluigi Peracchini, hanno firmato il documento che vara di fatto il nuovo distretto della nautica. Il Miglio blu è quel tratto di costa del Golfo dei Poeti lungo il quale su susseguono i maggiori player della produzione mondiale: da Sanlorenzo a Perini Navi, da Ferretti Group a Baglietto, da Porto Lotti (nella foto) ai Cantieri Michelini fino al colosso della cantieristica mondiale Fincantieri. Si tratta di un un progetto da 5 milioni di euro che proietta La Spezia al vertice del settore tra adeguamenti infrastrutturali e formazione.
“Un punto fondante del programma amministrativo che ora diventa operativo”, spiega il sindaco Peracchin. Alla firma della storica intesa hanno assistito il prefetto Maria Luisa Inversini, il comandante del dipartimento marittimo Marina Nord, Giorgio Lazio, la presidente dell’Autorità Portuale Carla Roncallo, l’assessore regionale alle Infrastrutture Giacomo Giampetrone, e il vicesincaco della Spezia Genziana Giacomelli.
“Qui ci sono le aziende più importanti che ci permettono di superare anche la Toscana con questo nuovo distretto – ha dichiarato Giovanni TotiLa Regione sostiene il progetto con un finanziamento di 1,175 milioni di euro dal Fondo Strategico Infrastrutture per la riqualificazione dell’area oltre a 3 milioni destinati a un piano di formazione territoriale sulla blue economy di cui sono in partenza i corsi del primo bando. Alla Spezia oggi nasce il futuro e questo patto è l’evoluzione di una città che sfa facendo importantissimi ed evidenti passi avanti. La Liguria è riuscita a rispondere al virus ripartendo prima di altre. Il nodo è anche la ripartenza economica e la nostra deve essere una Regione di persone che non sono chiuse in casa ma che possono vivere e produrre obiettivo che si ottiene con una unita’ di intenti tra pubblica amministrazione e privato”.
“Con l’intuizione positiva del presidente Toti nel far ripartire il settore in Liguria prima degli altri – spiega il cavalier Massimo Perotti, patron di Sanlorenzo – e il peso produttivo e formativo del distretto Miglio Blu, viene superata di fatto quella che una volta era l’area di Viareggio portando la capitale del settore alla Spezia”. 

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *