Charter Sardegna, tutti contro il passaporto sanitario

Comments (0) Diporto, News, Primo piano

Charter, operatori sardi in rivolta

Tutti contro il passaporto sanitario evocato dal governatore della Sardegna, Christian Solinas. Monta la protesta del mondo del charter dell’isola per chiedere a gran voce regole chiare e semplici che salvino almeno in parte la stagione turistica 2020. La massiccia protesta coinvolge almeno 400 aziende di noleggio e locazione di imbarcazioni per un totale di circa 1.600 unità.
“Stiamo assistendo impotenti – si legge in una nota – a un impressionante e irreversibile tracollo e cancellazione delle conferme che a fatica eravamo riusciti a trattenere ad aprile e maggio per i mesi di giugno e luglio. In soli tre giorni, dalla riapertura frenetica delle prenotazioni e conferme delle rispettive piattaforme, si sono dissolte il 15 % delle locazioni e noleggi, e nei prossimi giorni la situazione non potrà che peggiorare in quanto verrà aggredito il mese di agosto”.
Le imprese del settore parlano di fuga di massa: “Tour operator , broker e agenzie specializzate del settore, in un momento di grande sofferenza del mercato, stanno dirottando il turismo verso mete in cui le linee guida per l’accoglienza sono semplici e chiare (Slovenia, Croazia, Grecia e Turchia), al contrario di quelle che per il momento abbiamo, in Sardegna – prosegue la nota degli operatori del settore charter – Questo è un grido di allarme che non può restare inascoltato perché ci troveremo inesorabilmente costretti alla chiusura sia temporanea sia definitiva delle nostre attività, al licenziamento forzoso di alcune migliaia di dipendenti qualificati, formati e inquadrati a tempo indeterminato, oltre all’assoluta impossibilità a non assumere stagionalmente altrettanti giovani. Non c’è più tempo, servono certezza dei tempi e semplificazione di un protocollo definitivo. Lo chiedono le imprese, i professionisti del mercato mondiale del turismo, i clienti, i lavoratori sardi e le loro famiglie”.
Sostenuti anche da Confindustria Nautica, gli imprenditori del comparto lanciano un disperato ai consiglieri regionali della maggioranza di centrodestra per un intervento immediato.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *