Beniamino Gavio studia la fusione Baglietto-Ccn

Comments (0) Barche a motore, Cantieri, News, Primo piano

Beniamino Gavio

Svolta nel settore nautico del Gruppo Gavio. Sul tavolo la fusione tra Baglietto e CCn (ex Cerri Cantieri Navali). Non solo. Beniamino Gavio, infatti, sta valutando di riportare in Italia, a La Spezia, parte della produzione a marchio Bertram (oggi a Tampa, Florida), rilevato tempo fa dal Gruppo Ferretti, esattamente nel marzo 2015. Presto per fare ipotesi, ma secondo alcune indiscrezioni l’operazione dovrebbe concludersi entro l’anno. In ogni caso si tratterebbe di un vero e proprio riassetto che eliminerebbe alcuni costi pur mantenendo l’attuale occupazione, sia a La Spezia sia a Carrara. L’operazione, che dovrebbe concludersi entro l’anno, punterebbe a ottimizzare le sinergie tra i cantieri della Spezia e di Carrara, eliminando i costi di struttura ma preservando l’attuale occupazione. Attualmente nei due siti produttivi lavorano 80 dipendenti che si aggiungono a un indotto di circa 500 addetti.
Per quanto riguarda il marchio Bertram, specializzato nella costruzione di barche per la pesca d’altura, c’è l’ipotesi di una filiale europea con l’obiettivo di incrementare le vendite nei Paesi Ue. Sempre stando alle indiscrezioni, la costruzione degli scafi rimarrebbe nel nuovo stabilimento di Tampa. Il polo della Spezia provvederà agli allestimenti per gli armatori europei. Beniamino Gavio, quindi, passa alla fase due dopo l’acquisione e il rilancio in grande stile del glorioso marchio del Gabbiano nel febbraio 2012.
Per la cronaca, nello stabilimento della Spezia è in costruzione un superyacht di 55 metri destinato a un armatore americano.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *