Spadolini svela i segreti di Wide Space (Italian Vessel)

Comments (0) Barche a motore, Cantieri, News

  • Tommaso Spadolini: Wide Space
    Tommaso Spadolini: Wide Space
  • Visto da poppa
    Visto da poppa
  • Lo scafo
    Lo scafo

Tommaso Spadolini svela il nuovo motoryacht dislocante Wide Space in costruzione presso Italian Vessels.  Il designer racconta com’è nato il progetto di un nuovo 28,5 metri basato su linee di carena firmate da Umberto Tagliavini.
“Conosco Mario Parigi, ceo e fondatore di Italian Vessels, da molti anni e mi ha fatto molto piacere quando, insieme ai suoi due figli, mi ha chiesto di disegnare un nuovo progetto. L’obiettivo della famiglia Parigi quando ha rilevato i Cantieri Navali di Termoli sulla costa Adriatica, era quello di ridare slancio a una realtà attiva nel mondo della cantieristica e della manutenzione da oltre 20 anni, consegnando più di 200 yacht, dai rimorchiatori ai trawler fino ai superyacht. Mario è un ex comandante e surveyor e desiderava lanciare il marchio Italian Vessels con un progetto in acciaio e alluminio dalle grandi capacità marine, che andasse molto al di là dei classici motoryacht in vetroresina delle stesse dimensioni. Abbiamo pensato – aggiunge Spadolini – a due yacht dislocanti di 28,5 metri basati sulle medesime linee di carena disegnate da Umberto Tagliavini. La versione Enjoy, che richiama il mondo degli explorer, ha una sovrastruttura posizionata verso prua, così da lasciare maggiore spazio alla sezione poppiera del ponte e ospitare tender e giochi d’acqua. Invece la versione Wide Space, attualmente in costruzione, ha il tradizionale profilo da superyacht con un upper deck poppiero più lungo. Le due versioni condividono il 70 per cento circa della sovrastruttura. Entrambi i modelli prevedono quattro comode cabine con bagno sul ponte inferiore e una luminosa suite armatoriale a prua del ponte principale, completa di divano e cabina armadio. Una soluzione insolita su yacht di questa misura, è la presenza, oltre al salone principale, di una sky lounge di circa 16 metri quadri dietro alla timoneria sul bridge deck”.
“Sul ponte principale – continua il racconto di Tommaso Spadolini – è presente una grande cucina con accesso diretto dall’alloggio equipaggio, che ha a disposizione due cabine inclusa quella del comandante a prua del ponte inferiore. Una piccola area comune dedicata proprio all’equipaggio può essere convertita in un’ulteriore cabina. Invece di realizzare il garage del tender a poppa, abbiamo deciso di progettare un grande spazio di stivaggio per toys e altri equipaggiamenti, mentre il tender può essere alloggiato sulla piattaforma poppiera idraulica; quest’ultima può essere facilmente alzata e abbassata per facilitare le operazioni di alaggio e varo. A prua, davanti all’area dedicata alle sedute per gli ospiti, c’è spazio per un altro piccolo MOB tender o per un jet ski. Parlando di exterior styling, le griglie orizzontali degli occhi di cubia sono tipiche dello Studio Spadolini e il loro funzionale ed equilibrato design è privo di fronzoli o di dettagli superflui. L’interior design contemporaneo si basa su legni chiari, pelli calde e tessuti naturali. Il cantiere si affida poi a diversi marchi di design di altissimo livello, come Boffi, per le dotazioni della cucina”.
Wide Space ed Enjoy – spiega ancora l’architetto fiorentino – sono superyacht compatti sotto i 29 metri di lunghezza e di circa 210GT, ma sono progettati sui principi dei grandi yacht e, per esempio, sono dotati di wing stations per migliorare la visibilità a prua e a poppa durante le manovre. Entrambi sono motorizzati con due MAN da 560 cavalli, per una velocità massima di 13 nodi e una di crociera di 10 nodi. Un’altra caratteristica inusuale su yacht di queste dimensioni è la capacità di imbarcare 30.000 litri di carburante e di avere un’autonomia che supera le 3.000 miglia nautiche a velocità economica. Come per tutti i cantieri, anche il calendario della costruzione del Wide Space ha subito leggeri ritardi a causa del #coronavirus, ma il suo varo è atteso in autunno. E sarà pitturato con gli stessi suggestivi colori bianco e azzurro dei rendering”.

SCHEDA TECNICA
Lft.                                        28.50 metri
Baglio max                          7.21m
Pescaggio                            2.45 – 2.65 m
Dislocamento                     145 -165 t
Motori                                  2 x MAN 412 kw (560 cv)
Vel. max                               12.50 kn
Vel. crociera                        10 kn
Autonomia                          oltre 3,000 mn
Carburante                          30.000 lt
Scafo                                     Acciaio Fe510 (AH-36)
Sovrastruttura                    Alluminio AA5083 (Al-Mg4.4)

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *