Otam 70HT, ecco la nuova hypercar del mare

Comments (0) Barche a motore, Cantieri, News

Otam 70HT

Otam 70HT, attualmente in costruzione nel cantiere di Genova, è il simbolo delle performance estreme e dello stile che hanno dato al brand grande visibilità. Ispirata al mondo dell’automotive, la nuova imbarcazione si può paragonare a una vera e propria hypercar.
“Il design – spiega il team di BG Design Firm, studio che lavora con alcuni dei marchi automobilistici più importanti del mondo – è fortemente ispirato al mondo aeronautico e a quello delle automobili sportive di lusso. Era essenziale nel progettare questo nuovo 70 piedi, tenere a mente le proporzioni e le line che hanno sempre distinto gli yacht Otam”.
Se il progetto è firmato da BG Design Firm, l’ingegnerizzazione e linee di carena sono state concepite da Umberto Tagliavini Marine Design con la supervisione di Gianfranco Zanoni, amministratore delegato di Otam e ingegnere meccanico più volte campione Powerboat.
“Sul nuovo Otam 70HT – spiega Matteo Belardinelli, sales & sommunication manager – volevamo portare la cura dei dettagli ad un livello superiore. L’attenzione meticolosa ai particolari è sempre stata un tratto distintivo del marchio e BG Design Firm ha saputo interpretare perfettamente il nostro briefing rispettando a pieno il nostro Dna”.
Priorità e forte attenzione ai dettagli e stilemi già propri del marchio Otam come le grandi prese d’aria in coperta ai lati del prendisole di prua, così come davanti al parabrezza e sull’hard top che ricorda le forme di una manta enfatizzando la sensazione di movimento ed aerodinamicità. Tutte le prese convogliano aria direttamente alla spaziosa sala motori. Gli scarichi della ventilazione della sala macchine sono abilmente integrati e nascosti a poppa a lato della piattaforma bagno enfatizzate con luci diventando un altro forte elemento di design distintivo.
L’imponente prua ha un elemento centrale simile a un muscolo, si ispira al mondo hypercar e aggiunge aggressività al profilo sviluppandosi senza interruzioni creando una linea e un elemento unico da prua a poppa. La posizione arretrata e la forma della sovrastruttura sospesa, aumenta la sensazione di velocità e accelerazione.
Equipaggiato con una coppia di motori MAN o MTU da 2000 cavalli accoppiati a trasmissioni Arneson ed eliche custom OTAM-Rolla, Otam 70HT raggiunge una velocità massima di 50 nodi (si valuta una motorizzazione opzionale per ottenere anche velocità ancora maggiori). Queste caratteristiche, unite a una carena efficiente e filante, con un deadrise di 21 gradi che garantisce stabilità e reazioni immediate alle manovre anche con mare formato, rende il 70HT un perfetto esempio di alte prestazioni, design e ingegnerizzazione. Possono anche essere montanti, per aumentare il comfort, stabilizzatori giroscopici Seakeeper. La customizzazione, come per ogni yacht Otam, è fondamentale. Con una lunghezza fuoritutto di 22,30 metri e un baglio di 5,40, il 70HT offre uno spazio e un comfort senza eguali a bordo di un fast luxury cruiser.
L’armatore ha scelto un pozzetto e un salone con un divano a babordo per accogliere numerosi ospiti. Un confortevole prendisole è realizzato a poppa sopra al garage del tender ed un secondo, anch’esso di notevoli dimensioni, è posizionato a prua e integrato al muscolo centrale. Sono comunque disponibili molte altre opzioni, come nel caso del secondo scafo, attualmente in fase negoziale, che avrà una configurazione completamente diversa:  non ci sarà il garage a poppa per avere una piattaforma bagno ancora più grande e godibile.
Per quanto riguarda gli interni sono infinite le opzioni disponibili. Il primo scafo in produzione prevede un layout a tre cabine con suite armatoriale prodiera a tutto baglio, cucina separata e una cabina equipaggio per due persone a prua con accessi separati. L’armatore è comunque libero di scegliere la propria soluzione ideale, che per quanto riguarda gli interni non prevede alcuna limitazione, in puro stile Otam.
“Il progetto è stato sviluppato fin dall’inizio per poter accontentare le diverse richieste e necessità degli armatori – conclude Belardinelli – La costruzione custom è il nostro biglietto da visita e nessuna barca è uguale all’altra. Otam 70HT è l’ultimissima espressione a conferma di questa filosofia e nonostante il primo scafo non è sia stato ultimato abbiamo già ottime reazioni da parte di clienti a cui il nuovo progetto è stato presentato in forma assolutamente privata”.
Otam 70HT farà il suo debutto internazionale ai saloni nautici 2021.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *