Trofeo Principato di Monaco, l’attesa a Venezia

Comments (1) News, Regate, Ultima ora

Trofeo Principato di Monaco

E’ tutto pronto per il VII Trofeo Principato di Monaco – le Vele d’Epoca in Laguna, Coppa Bnl-Bnp Paribas Private Banking. E il fascino intramontabile delle barche d’epoca torna a Venezia nell’ultimo week end di giugno. L’evento è promosso da Anna Licia Balzan, console onorario del Principato di Monaco a Venezia e dalla Direzione del Turismo e dei Congressi del Principato di Monaco a Milano.
Per il quinto anno il Trofeo, seconda tappa della Coppa A.I.V.E. dell’Adriatico 2019, è riservato alle imbarcazioni classiche ed è organizzato sotto la direzione dello Yacht Club Venezia e il Circolo Velico Porto di Mare. Due i momenti salienti: venerdì 28 giugno, armatori ed equipaggi parteciperanno al cocktail presso l’esclusivo palazzo Barovier & Toso di Murano. La sera di sabato 29 giugno, invece, gli armatori parteciperanno a un evento conviviale nella Darsena di Santelena dove saranno ormeggiate le imbarcazioni.
Due anche le regate da disputare, sabato 29 e domenica 30 giugno. La domenica, inoltre, il pubblico potrà assistere dalle rive a una suggestiva veleggiata nelle acque del bacino di San Marco. Alle regate, che verranno disputate applicando i rating del C.I.M. (Comité International de la Méditerranée), non mancheranno celebri barche d’epoca e classiche tra le quali Santa Maria Nicopeja, costruita in Normandia nel 1901 e restaurata dal cantiere Luca Casaril di Venezia, oggi è una delle più antiche imbarcazioni ancora naviganti in Mediterraneo. La goletta di 19 metri Presque Isle, costruita negli Usa negli anni Cinquanta su progetto del cantiere Herreshoff, è invece appartenuta al famoso attore Yul Brinner. Tra le barche più vittoriose c’è anche Al Na’Ir III, costruita nel 1964 dal cantiere Carlini di Rimini su progetto Sparkman & Stephens.
Serenity, invece, sarà la barca da battere. Classe Sea-Serpent del 1936, corre per riconquistare la Coppa stagionale AIVE dell’Adriatico, già vinta per ben tre volte nel 2016, 2017 e 2018. Presente anche Naïf, lo sloop costruito nel 1973 per Raul Gardini dal cantiere Carlini di Rimini su progetto dell’americano Dick Carter. Dal 2004 appartiene al figlio Ivan, che nel 2012 ha vinto il Trofeo Panerai di categoria. Tra le altre barche iscritte l’one tonner Mozart di Pasquale Landolfi che col nome di Brava ha ottenuto un terzo posto assoluto alla Sardinia Cup. Tra gli iscritti ci sono inoltre Silvica, Gilla, Isabella, Shahrazad, Attica e il ketch bermudiano Anatina del 1970 che in passato ha compiuto diverse traversate atlantiche e partecipa per la prima volta al Trofeo.
Novità assoluta del VII Trofeo Principato di Monaco è l’illustre partecipazione della Marina Militare con la prestigiosa imbarcazione Sagittario, uno Sciarrelli varato nel 1972 nei cantieri Mariano Craglietto di Trieste e che ha partecipato nello stesso anno alla regata Transatlantica in solitario e a diverse Middle Sea Race.
“Sono soddisfatta – dice Anna Licia Balzan – per la continuità della manifestazione che rappresenta un ponte ideale tra Venezia e il Principato, accomunati dall’eccellenza, dalla passione e soprattutto dal rispetto per il mare, valori che queste barche incarnano alla perfezione”.
“Quale migliore cornice di Venezia per un evento di questa tipologia – conclude Mirko Sguario, storico direttore sportivo del Trofeo Principato di Monaco e ideatore delle più belle regate in città – Venezia deve parlare al mondo con lo sport che più di ogni altro la rappresenta. Queste barche portano in sé il valore delle più alte tradizioni marinare”.
La premiazione finale di domenica si svolgerà presso il Marina Santelena. I premi, creati appositamente dalla storica vetreria muranese Barovier & Toso, saranno attribuiti ai migliori tre classificati per ciascuna delle cinque categorie presenti mentre al vincitore assoluto andrà l’Overall.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

One Response to Trofeo Principato di Monaco, l’attesa a Venezia

  1. Vele ha detto:

    Belle e interessanti manifestazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *