The Nations Trophy, gran finale con 41 yacht Swan

Comments (0) News, Regate, Ultima ora

  • The Nations Trophy 2019: la regata
    The Nations Trophy 2019: la regata
  • ClubSwan 36
    ClubSwan 36

Per gli yachts Swan One DesignThe Nations Trophy 2019 – in programma a Palma di Maiorca dall’8 al 12 ottobre – segna un crescendo verso una stagione mediterranea che si è sviluppata sempre più sin dal suo inizio (aprile 2019). L’evento riunisce una flotta di alto livello, con la partecipazione di tattici e campioni della vela di fama mondiale, membri di famiglie reali, abili equipaggi e armatori “in competizione per difendere il prestigio sia individuale sia nazionale”. Protagoniste del The Nations Trophy 2019, ospitato dal Real Club Náutico de Palma, le classi ClubSwan 50, Swan 45, ClubSwan 42 e la nuova Class ClubSwan 36 con 4 team internazionali.
“Siamo davvero entusiasti di questa seconda edizione di The Nations Trophy, che sta contribuendo a rinnovare il concetto di competizione tra nazioni – spiega Giovanni Pomati, ceo di Nautor’s Swan Group – Quest’anno ben 41 yacht Swan rappresenteranno 14 Paesi. È un finale fantastico per il Mediterranean Swan One Design Circuit 2019, soprattutto perché, oltre ai nostri noti ClubSwan 50, Swan 45 e ClubSwan 42, farà il suo debutto il nuovissimo ClubSwan 36. Non vediamo davvero l’ora di ammirare le prime quattro barche di questa nuova dinamica classe, che rappresentano l’Italia, la Croazia e la Norvegia, in campo da regata”.
The Nations Trophy Mediterranean League, disputata quest’anno in quattro tappe, è stata precursore del successo dell’evento principale. Le flotte di ClubSwan 50s, Swan 45s e ClubSwan 42s si sono affrontate in località molto rinomate, tra cui Monaco, Saint-Tropez e Scarlino. La prossima settimana, le classi competeranno a Palma, per la seconda volta questa stagione, dopo la Copa del Rey che ha chiuso il circuito in agosto. Oltre allo stesso trofeo The Nations, sono in gioco tre titoli di classe: il campionato mondiale ClubSwan 50, il campionato mondiale Swan 45 e il campionato europeo ClubSwan 42.
Con la partecipazione di alcuni dei migliori team nello sport della vela, la competizione promette di essere dura e affascinante. L’elenco dei tattici è formidabile: Roberto Bermudez su Natalia (Rou), Bouwe Bekking su Niramo (GER) e Alberto Bolzan sul ClubSwan 36 Facing Future (ITA); il campione olimpico multiplo Jochen Schümann su OneGroup; Fernando Echavarri e Iker Martinez su Skorpios (RUS) e Mathilde (SUI) rispettivamente, entrambi medaglie d’oro olimpiche ed ex Rolex World Sailors of the Year; Diogo Cayolla famigerato marinaio portoghese, lo sloveno Brank Brcin e lo spagnolo Pablo Arrate, a loro volta ThirtySix, Far Star (ITA) e B.Kolff Team Utheka (ITA) più campioni del mondo Chris Larson su Earlybird (GER) e Gabriele Benussi su Vitamina (ITA); I veterani della Coppa America Pietro D’Alì su Drifter Sail (ITA) e Cameron Dunn su Bronenosec (RUS); e l’incomparabile Ken Read su Cuordileone (ITA). Sarà una gara da togliere il fiato. L’Italia partecipa alla competizione con un vantaggio di due punti avendo vinto i campionati del Mediterraneo nel 2018 e nel 2019.
Il trofeo delle Nazioni, progettato nel 2017 per l’evento inaugurale e biennale dagli argentieri milanesi Buccellati, andrà ai due yacht meglio posizionati da ogni Paese e combinando la loro posizione. Gli yacht possono appartenere alla stessa classe.
La Svezia ha una forte presenza con uno yacht in ciascuna delle tre diverse classi: ClubSwan 50 Regina 2.0 di Jacob Wallenberg e Gutta Johansson, Swan 45 Brujo di Björn Rosegren e ClubSwan 42 CLC Housing di Marcus Letsell, con il vincitore della Whitbread Round the World Race Klas “Klabbe” Nylöf nell’equipaggio. Questo può rivelarsi cruciale poiché tutti e tre possono perseguire la propria ambizione personale di classe senza alcun rischio di influire negativamente sugli obiettivi della squadra nazionale.
The Nations Trophy 2019 si aprirà con una gara di prove libere martedì 8 ottobre e si concluderà con la premiazione di sabato 12 ottobre. Un massimo di nove regate verranno disputate senza scarto. Elemento di forza di The Nations Trophy è l’impegno sostenibile, iniziato già lo scorso aprile con la tappa di Scarlino. La componente sociale sarà significativa, con partners che condividono lo stesso impegno nella salvaguardia dell’ambiente: MarevivoFundacion Ecomar per la salvaguardia degli oceani, sono i paladini di un ambiente plastic free a bordo e a terra;  Banor ospiterà l’Owners’ Dinner con i vini di Ferrari TrentoSease, infine, che per i suoi prodotto utilizza un protocollo di sostenibilità che copre materiali, catena di approvvigionamento e altre risorse.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *