Venezia 2019, Brugnaro a bordo del primo taxi ibrido

Comments (0) News, Primo piano, Salone Nautico di Venezia

  • Venezia 2019 a tutto desgn
    Venezia 2019 a tutto desgn
  • Uno dei progetti esposti
    Uno dei progetti esposti

La festa del popolo del mare è iniziata. Oggi 18 giugno 2019, dopo l’inaugurazione ufficiale, il sindaco Luigi Brugnaro ha preso in consegna il primo taxi ibrido della flotta del Comune di Venezia. Erano presenti Ugo Pavesi, presidente di Transfluid e Filippo Brunero, responsabile sviluppo progetti innovativi in Bimotor. La cerimonia si è svolta al pontiletto del Comune di Ca’ Farsetti. Insieme hanno poi raggiunto il Salone Nautico all’Arsenale a bordo della nuova imbarcazione. La trasformazione del tipico motoscafo della flotta del Comune è il primo passo verso una sempre più alta sensibilizzazione alla navigazione ecosostenibile.
Come abbiamo accennato in altri servizi, il protagonista del Salone Nautico Venezia 2019 è lo Yacht design. Si parte mercoledì 19 alle 14 con il convegno, organizzato da Vela Spa con Carlo Nuvolari L’Avanguardia nel design, i percorsi del nuovo nello yachting. Previsti gli interventi di Luca Bassani (Wally Yachts), Carlo Fei (Università Luiss), Carlo Nuvolari (Nuvolari-Lenard), Luca Dini (yacht designer), Mario De Biase (Stato Maggiore Marina di Roma 7° Reparto Navi). Nell’ incontro verranno esplorati i diversi aspetti del progetto di imbarcazioni sia per la nautica da diporto, tutto quanto ha fatto il successo del made in Italy in un settore di eccellenza.
“Il design è uno dei driver del successo dei nostri cantieri – spiega Carlo Nuvolari – un tema che l’industria nautica ben conosce e su cui ha lavorato più intensamente negli ultimi anni. Ci sono ancora margini di innovazione e nuovi temi progettuali”. Il design italiano é importante per la concorrenza ai cantieri del nord Europa. Al convegno intervengono designer che hanno lavorato intensamente ai temi dell’innovazione, proponendo non solo un rinnovamento estetico, ma anche un grande lavoro sulle funzioni della barca o della nave che vive nella sua doppia natura di moving house e di floating house, che appaiono i temi del dibattito sul nuovo lusso in mare.
Nella Tesa 113 il laboratorio dedicato al progetto delle barche. Lo storico Arsenale Arena Tech, infatti, ospita una struttura tecnica realizzata in modo che per i progettisti e i docenti sia possibile lavorare e discutere osservati dal pubblico, che potrà quindi partecipare attivamente. All’ingresso della Tesa una mostra di disegni promossa dai Musei Civici di Venezia espone 35 progetti di particolare contenuto innovativo.
Gentedimare2.0 aggiorna i suoi lettori continuamente.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *