Schenker, 20 anni di chiare fresche dolci acque

Comments (0) News, Primo piano

Schenker, il dissalatore Zen50

Chiare, fresche e dolci acque… Schenker Watermakers festeggia i suoi primi 20 anni e consolida la leadership mondiale nella produzione di dissalatori a recupero di energia in grado di fornire soluzioni ecosostenibili semplici e affidabili per la produzione dell’acqua a bordo. Non solo: l’azienda campana, fondata nel 1998, festeggia l’ìmportante anniversario forte di un importante incremento delle vendite e dell’ampliamento senza precedenti della rete di distribuzione, oramai capillare in quasi tutto il mondo.
L’innovazione e il risparmio energetico sono alla base dei dissalatori Schenker poiché le macchine utilizzano il dispositivo brevettato Energy Recovery System che amplifica la pressione di normali pompe a bassa pressione e recupera l’energia idraulica di ritorno dalle membrane, consentendo una riduzione dei consumi elettrici fino all’80%.
INtanto prosegue anche la collaborazione tecnica tra Schenker e Giovanni Soldini con l’installazione di un impianto a bordo del trimarano Maserati Multi70 specificamente progettato e costruito per adattarsi al funzionamento in condizioni estreme.
Da pochi mesi l’azienda ha lanciato sul mercato il dissalatore ZEN, un modello rivoluzionario che va ad implementare le tre differenti linee di prodotto. L’attuale offerta, così completata, consente di soddisfare tutte le esigenze diportistiche, a partire dalle barche più piccole fino ai superyacht, riscuotendo un grande successo di mercato. Dal quartier generale Schenker, infatti, fanno sapere che dalla presentazione della nuova linea nel novembre 2018, in pochi mesi sono stati venduti oltre 200 dissalatori ZEN in tutto il mondo. Per fronteggiare l’incremento di vendite le attività produttive verranno trasferite, a partire da giugno 2019, in un nuovo e modernissimo stabilimento.
Il nuovo modello ZEN si caratterizza per semplicità, leggerezza, minimalismo, flessibilità di installazione e rappresenta una novità nel campo dei dissalatori anche per lo studio sul design affinato in fase progettuale. Look gradevole per una macchina che solitamente è destinata a risultare poco visibile a bordo, nascosta in locali tecnici o in sala macchine. Le dimensioni risultano assai contenute ed extra sottili (profondità di soli 10 cm. circa). Leggeri, molto silenziosi e adatti quindi per essere installati a bordo delle imbarcazioni più piccole. La forma ribassata agevola il montaggio con pochi vincoli di posizionamento, ad esempio orizzontalmente sul fondo di un gavone o in verticale su una parete del locale tecnico, quasi come un quadro.
Nel pieno rispetto della filosofia ZEN, le macchine, grazie a un sistema di recupero di energia di nuova generazione sono estremamente semplici ed efficienti. Il modello base che produce 30 litri/ora di acqua dolce richiede solo 110 watt di consumo. Anche la versione da 50 litri/ora (nella foto), sul mercato da poche settimane, copre le esigenze di imbarcazioni con dimensione intorno ai 45-50 piedi con equipaggi formati solitamente da 5-6 componenti. La macchina è inoltre dotata della funzione economy che consente di dimezzare i consumi  limitando la produzione di acqua dolce a favore di un impatto davvero minimalista sull’energia di bordo. E’ in grado di produrre 50 litri di acqua dolce con un consumo di soli soli 240 watt e ha un costo di acquisto decisamente inferiore rispetto ad altri sistemi di pari capacità presenti oggi sul mercato. Il prezzo al pubblico della macchina, incluso il controllo a distanza e gli accessori, è di appena 4.985 euro (Iva esclusa).

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *