Saverio Cecchi al timone di Ucina

Comments (0) News, Primo piano

Saverio Cecchi con Carla Demaria

Saverio Cecchi è presidente designato per la successione di Carla Demaria. Così ha deciso il consiglio dell’associazione confindustriale. Cecchi, oltre trent’anni trascorsi in Ucina, presentato come unico candidato grazie al passo indietro di Andrea Razeto e Piero Formenti, si presenterà all’assemblea generale dei soci di Santa Margherita Ligure, il 20 giugno, per l’investitura ufficiale. Sarà il tessitore della riunificazione. È stato designato per questo. Passa così l’asse Massimo Perotti-Carla Demaria. E si volta pagina.
«È stato un bel consiglio – dice Carla Demaria – Abbiamo ritrovato serenità e compattezza, e posso dire che oggi siamo più forti. Questi quattro anni, duri e difficili, mi hanno insegnato tanto, soprattutto perché stare in azienda è una cosa completamente diversa dalla guida di un’associazione complessa come la nostra. Sono certa che Saverio Cecchi saprà trovare la sintesi che porterà la nautica alla riunificazione per la quale mi sono battuta con determinazione nonostante le dure battaglie della prima ora. I tempi sono maturi. È il momento giusto: il mercato ci aiuta, il prossimo Nautico non ha più spazi liberi, il Tar ha accolto il ricorso Ucina sulla Nuova Darsena. E ieri è stato il mio compleanno. Non avrei potuto aspettarmi di meglio. Una giornata indimenticabile, per me e per Ucina. Sono davvero felice».
«Felicissimo – aggiunge Saverio Cecchi – e onorato di continuare a dare il mio contributo a Ucina dopo oltre trent’anni di militanza, anche se oggi da una posizione diversa e di prestigio. Manterrò fede al mio programma che al primo punto indica la riunificazione. Ucina è la Casa della Nautica e tale tornerà a essere. Oggi mi corre l’obbligo di ringraziare Carla Demaria per tutta la mole di lavoro che ha svolto con passione, grinta e competenza in questi quattro anni di mandato. Ma un grazie va anche agli altri due candidati, Razeto e Formenti, che hanno sacrificato con generosità le loro candidature per il bene di Ucina. Voglio essere il presidente di tutti e aprire subito il dialogo con gli amici-rivali di Nautica Italiana».

LA SCHEDA
Saverio Cecchi è entrato a far parte del Consiglio Direttivo di Ucina Confindustria Nautica nel 1990 ed è stato presidente di Settore, vice presidente e, dal 2013, presidente dei Probiviri dell’Associazione. Presidente di BCS prima e, poi, amministratore delegato di Twin Disc Italia fino al 2012, attualmente è membro del cda di GP Yachts SpA.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *