Monaco Yacht Show, faites vos jeux

Comments (0) Monaco Yacht Show, News, Primo piano

  • Arcadia Sherpa XL
    Arcadia Sherpa XL
  • Azimut Grande S10
    Azimut Grande S10
  • Monaco Yacht Show: Baglietto Severin*s
    Monaco Yacht Show: Baglietto Severin*s
  • Benetti Metis
    Benetti Metis
  • La scala girevole di Besenzoni
    La scala girevole di Besenzoni
  • Monaco Yacht Show: Bluegame BGX70
    Monaco Yacht Show: Bluegame BGX70
  • CCN Vanadis
    CCN Vanadis
  • Columbus Dragon 80
    Columbus Dragon 80
  • Monaco Yacht Show: CRN 79 metri
    Monaco Yacht Show: CRN 79 metri
  • Custom Line 106
    Custom Line 106
  • Monaco Yacht Show: Audace (Cantiere delle Marche)
    Monaco Yacht Show: Audace (Cantiere delle Marche)
  • Isa Alloy 130
    Isa Alloy 130
  • Mangusta GranSport 104
    Mangusta GranSport 104
  • Riva 50 metri Race
    Riva 50 metri Race
  • Sanlorenzo 64Steel Attila
    Sanlorenzo 64Steel Attila
  • Tankoa 50 metri
    Tankoa 50 metri
  • Monaco Yacht Show: 48Wallytender
    Monaco Yacht Show: 48Wallytender

Circus della nautica senza respiro. Tre saloni in 15 giorni. Dopo Cannes e Genova, è la volta del Monaco Yacht Show. A Port Hercule, nella splendida cornice di Montecarlo, sono schierati oltre 125 super e megayacht. Con tante anteprime mondiali. Come in tutte le rassegne nautiche del mondo, anche nel Principato i riflettori sono puntati sulle Signore del mare italiane. Di seguito, in rigoroso ordine alfabetico, alcuni dei nostri marchi più prestigiosi con le rispettive novità.

ARCADIA YACHTS
Dopo il debutto mondiale a Cannes,  Sherpa XL sbarca anche a Montecarlo. Il concept, progettato in collaborazione con lo studio milanese Hot Lab, si sviluppa intorno alla disposizione dei ponti. Quelli di prua sono sfalsati, così da creare un blocco scale centrale caratterizzato da dislivelli ridotti. Un gioco di incastri particolare che, oltre a ottenere grandi spazi pur con un’altezza totale contenuta, ha permesso di giocare con i volumi.  Il rapporto diretto con il mare e l’ambiente circostante è esaltato nel pozzetto di circa 65 metri quadri.

AZIMUT YACHTS
No poteva mancare al Monaco Yacht Show la barca emblema del 50° anniversario: Azimut Grande S10. per il  design degli esterni di Alberto Mancini, il purista che si ispira al mondo aeronautico e automotive. «Per il design del Grande S10 l’ispirazione è tratta da tre fonti – racconta Mancini – Una villa sul mare a Malibu con grandi terrazze che scendono verso il bagnasciuga; un mega sailer che ha ispirato il doppio livello di pozzetto e infine l’automotive perché il car design regala sempre grande ispirazione. Gli interni sono firmati da Francesco Guida.

BAGLIETTO 
Il Gabbiano presenta Severin*s, nuovo 55 metri della gamma T-Line. Le linee morbide e filanti, come pure le falchette ribassate e le prese d’aria laterali, sono firmate Francesco Paszkowski Design che, con Margherita Casprini, ne ha curato anche gli interni. Il layout prevede 6 cabine, rendendo la barca perfetta anche per un eventuale utilizzo charter. Spettacolare il ponte sole: 150 metri quadrati dedicati alla vita all’aria aperta. La zona di poppa è stata liberata dai tender, spostati a prua sul ponte superiore. Il megayacht, certificato con la massima classe del Lloyd’s Register, è spinta da due motori Caterpillar 3516C DITA e può raggiungere una velocità massima di 17 nodi (12 di crociera).

BENETTI
Al Monaco Yacht Show arriva Metis, custom yacht di 63 metri con scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio, che si sviluppa su 5 ponti. Gli esterni sono di Giorgio M. Cassetta, l’architettura navale e il design degli interni sono di Bannenberg&Rowell che si è avvalso della collaborazione di Birgit Otte per il décor. Tra gli atout dello scafo, la palestra personalizzata sul fly deck che ha porte scorrevoli di prua e di poppa e vetrate laterali scure per la massima privacy. Il dridge deck ospita la timoneria e la cabina del comandante. Al Monaco Yacht Show, schiera anche Big Five, 35,5 metri, quinta unità della gamma Mediterraneo 116. Gli esterni sono formati da Giorgio M. Cassetta, gli interni dell’Interior Style Department di Benetti. Infine Eurus, terzo yacht di Benetti è il Delfino 95, scafo dislocante in vetroresina e la sovrastruttura in fibra di carbonio. Anche le linee filanti di Eurus sono opera di Giorgio M. Cassetta.

BESENZONI
La storica azienda bergamasca porta al Monaco Yachts Show due novità: la scala girevole SP 600 G e la poltrona pilota P 338 Infinity Elegance. SP600 Rotating Ladder è una scala  con movimentazione automatica che abbina la funzione di passerella. Può essere installata a poppa o laterale, ed è dotata di una struttura in acciaio inox che può essere verniciata o lucidata a specchio. I gradini auto-allineanti in teak conferiscono un maggior comfort in fase di utilizzo e la doppia fila di candelieri manuali removibili rende questa scala particolarmente comoda anche da stivare. La facilità di utilizzo è massima anche grazie al pannello di controllo per il comando dal pozzetto e alla centralina idraulica ed elettrica dedicata. La poltrona P 338 Infinity Elegance è caratterizzata da un design moderno e accattivante. La seduta ergonomica, l’inclinazione dello schienale e il poggiapiedi regolabile garantiscono la massima comodità anche in caso di lunghe navigazioni. E’ installabile su supporto elettrico o manuale e viene proposta con rivestimento standard in vinile o pelle, ma è possibile rivestire la poltrona anche con il tessuto personalizzato fornito dal cliente.

BLUEGAME
Il nuovo BGX70 presentato a Cannes è firmato da Bernardo e Martina Zuccon. L’imbarcazione, lunga 21 metri, stupisce per alcune caratteristiche inedite e al tempo stesso inaugura una nuova era di Bluegame. Scafo in invetroresina, per gli interni sono stati scelti materiali che enfatizzano il legame con il mare: si è dunque optato per la massima naturalità di tessuti, pelli ed essenze, mentre colori e tonalità sono stati scelti per favorire una sensazione di equilibrio e armonia, priva di contrasti forti e all’insegna di un’atmosfera di comfort e relax.  Il colore del legno e del bianco sono stati scelti e pensati per enfatizzare la marinità di tutto il progetto.

CCN
Quarto esemplare della linea Fuoriserie, Vanadis è un 31 metri fully custom in alluminio con linee esterne classiche e contenuti tecnologici che guardano all’eco-sostenibilità e all’efficienza ambientale. Vanadis , infatti, è il primo motoryacht made in Italy ad aver ottenuto la certificazione Hybrid Power dal Lloyd’s Register. L’imbarcazione è dotata di due propulsori azimutali Schottel STP 150 FP a doppia elica comandati con sistema ibrido che prevede sia motori tradizionali diesel sia motori elettrici alimentati dai generatori o da batterie. Tale configurazione permette una navigazione a basso consumo e ridotto impatto ambientale, oltre ad un aumento del confort di bordo grazie alla riduzione del rumore e delle vibrazioni sia in rada che in navigazione. Il layout prevede la cabina master e 2 cabine ospiti sul ponte inferiore mentre un ampio salone con grande divano a L, area pranzo e cucina a vista occupano gli spazi coperti del main deck, alle spalle della timoneria.

CMC MARINE
L’azienda tiscana espone al Monaco Yacht Show la nuova gamma di stabilizzatori elettrici Waveless pensati per barche a partire dai 12 metri di lunghezza. Waveless, il cui esemplare più piccolo ha un ingombro a bordo pari a 38 centimetri di diametro per 22 cm di altezza, vanta la stessa tecnologia che ha portato gli stabilizzatori CMC Marine a eccellere nel mercato di riferimento. La famiglia Waveless conta quattro modelli di stabilizzatori STAB e 4 modelli di intruder TRIM. L’intera gamma di stabilizzatori STAB sarà in esposizione e un modello STAB 25 funzionante sarà a disposizione per dimostrazioni.

COLUMBUS YACHTS
Anteprima mondiale a Monaco per Dragon, 80 metri, la nuova ammiraglia di Columbus Yachts, brand di Palumbo Superyachts. Dragon è nato dall’avanzata ingegneria navale dello studio Hydro Tec di Sergio Cutolo che ha firmato anche il design esterno. Gli interni sono opera di Francesco Guida. L’imbarcazione si sviluppa su sei ponti, cinque dei quali sono serviti da un ascensore. Il design degli interni è stato studiato per creare una calda, sofisticata ma allo stesso tempo moderna atmosfera. Sul lower deck si trova il beach club di 200 metri quadrati rivestito in teak, che include bar, sauna e bagno turco, diverse zone relax e chaise-lounge.

CRN
Il cantiere di Ancona, parte di Ferretti Group, presenta in anteprima mondiale al Monaco Yacht Show l’ultimo megayacht di 79 metri consegnato ad agosto. L’unità è frutto del lavoro di un team di circai 200 persone. Le linee esterne sono dello studio Zuccon International Project, mentre gli interni sono firmati da Laura Sessa. Con cinque ponti – di cui uno completamente dedicato all’armatore, 79 metri di lunghezza e un baglio di 13,50 metri, l’ultimo nato del cantiere di Ancona può accogliere comodamente fino a 12 ospiti a cui si aggiungono le 15 cabine per i 29 membri dell’equipaggio e altre 5 cabine per i membri dello staff. Lo yacht può raggiungere una velocità massima di 16 nodi e una velocità di crociera di 15 nodi con due motori CAT 3516C 1640kW 1600 rpm.

CUSTOM LINE
Custom Line 106 è il nuovo yacht della gamma planante Custom Line, il secondo disegnato da Francesco Paszkowski Design, e realizzato insieme al Comitato Strategico di Prodotto e alla Direzione Engineering Ferretti Group. Il design minimale avvolge interni ed esterni senza soluzione di continuità e le superfici si compenetrano in un equilibrio architettonico che abbatte i confini tra gli spazi. Il nuovo superyacht è caratterizzato da ampie superfici calpestabili (in tutto 220 mq), interconnesse tra loro. Nella zona di prua l’isola centrale rialzata è composta da divani e cuscinerie con schienali reclinabili, mentre la zona di prora ha un grande prendisole. Gli interni del ponte principale sono invasi dalla luce naturale grazie alla presenza di ampie finestrature a tutt’altezza.

FIPA
Dopo l’anteprima mondiale a Cannes, Maiora 30 Walk-Around è in vetrina anche al Monaco Yacht Show. Registrato come yacht sotto i 24 metri, ha una lunghezza fuori tutto di 30,5 metri e un baglio di 7,5 , il più largo della categoria. Disegnato dallo Studio Fossati Design Bureau, questo yacht ha interni realizzati secondo i desiderata del suo armatore e caratterizzati da un décor luminoso e accogliente. Grandi finestre alte 2,15 metri illumnano di luce naturale gli spazi interni e consentono agli ospiti di godere di una vista mozzafiato. Grazie a quattro cabine doppie, Maiora 30 Walk-Around può ospitare fino a 9 persone. La suite armatoriale è sul main deck ed permette all’armatore di avere una vista incantevole.

FLOATING LIFE-CANTIERE DELLE MARCHE
Disegnato da Andrea Pezzini (Floating Life) e da Mauro Sculli, costruito dai Cantieri delle Marche per l’armatore Andrea Merloni, Audace è un expedition yacht di 43 metri. Fa parte della serie K ideata da Floating Life e rappresenta un vero punto di svolta per l’industria nautica grazie alle novità tecniche come il grande ponte inferiore interamente dedicato alla sala macchine e alle aree tecniche. Altra caratteristica di Audace sono le due aree social: quella a poppa del ponte inferiore che ospita un’area polifunzionale insonorizzata perfetta per feste ad alto tasso di decibel o per tranquille riunioni con amici e quella sul main deck, dedicata al relax, alle chiacchiere e alla tintarella. I tender? Jet ski, uno scafo di 10 metri, una Land Rover Defender e una motocicletta Bmw GS. Così ordinò Andrea Merloni. Gli interni sono opera di Alessandra Negrato, dello studio Sculli.

ISA YACHTS
Il superyacht Isa Extra 130 Alloy, è un superyacht di 40 metri di lunghezza e 8,4 metri di larghezza che esprimono volumi interni pari a 390 GT. Volumi che lo rendono ideale per la socializzazione e l’intrattenimento con la famiglia e gli amici. Ad esempio, l’upper deck vanta una dining area esterna con tv, bar, un grande sofa e chaise-lounge oltre a un’ampia area prendisole e diverse sedute. La piscina è a prua del main deck. Il layout degli interni prevede quattro cabine doppie sul lower deck e una cabina armatoriale a tutto baglio sul ponte principale. Extra 130 Alloy ha scafo e sovrastruttura interamente in alluminio ed è equipaggiato con due motori CAT da 1800HP che garantiranno la velocità massima di 17 nodi, quella di crociera di 15.5 nodi e un’autonomia di oltre 3000 miglia nautiche a 12 nodi. L’imbarcazione, infine, è predisposta per installare un sistema fotovoltaico.

MANGUSTA YACHTS 
Il marchio del Gruppo Overmarine presenta Mangusta GranSport 45. Il layout è studiato per facilitare la connessione tra i vari ambienti. Davvero caratterizzante è l’upper deck, con il  salotto centrale comunicante sia con la poppa attraverso grandi porte vetrate scorrevoli, sia con il sunbridge di prua, dove si trova una vera e propria infinity pool con cascata e vasca idromassaggio per 7 persone. La  beach area di poppa è composta da tre piattaforme comunicanti tra loro, a diretto contatto con il mare. Mangusta GranSport 45 con una velocità massima di 26 nodi, un’autonomia di 3.500 miglia a 11 nodi e un pescaggio limitato a 2,2 metri, non ha limiti di utilizzo. Con l’ultimo gioiello di Maurizio Balducci, in vetrina anche Mangusta Oceano 43 disegnato da Alberto Mancini. Design e Tecnologia, di cui l’infinity pool a prua, ideata con due zone distinte di prendisole che si immergono in una piscina con cascata, ed il beach club a poppa, con il portellone che si apre creando una piattaforma sul mare e lasciando intravedere una vera e propria zona multifunzionale, sono soltanto due esempi. Velocità di crociera di 11 nodi per un’autonomia di oltre 4.500 miglia nautiche; consumi ridotti grazie alla particolare configurazione della carena ottimizzata con CFD e testata in vasca; stabilità sia all’ancora sia in navigazione; impiego di tecnologie e materiali di ultima generazione per il contenimento di rumorosità e vibrazioni.

RIVA
I riflettori di Montecarlo sono tutti per Riva 50 metri Race, il sogno del grande Carlo Riva. Ineguagliabili gli  standard di estetica, stile e innovazione. Lungo 50 metri per un baglio massimo di 9, nasce per offrire un’esperienza di navigazione ai massimi livelli, fatta di comfort, eleganza, attenzione ai dettagli e arte nautica: valori che da 177 anni fanno di Riva il mito della nautica mondiale. Il capolavoro della Riva Superyachts Division è un’opera navale all’avanguardia, che unisce le più avanzate soluzioni tecnologiche a uno stile inconfondibile. Maestoso ed elegante, Riva 50 metri è frutto della collaborazione tra Officina Italiana Design, lo studio di progettazione fondato da Mauro Micheli e Sergio Beretta che disegna in esclusiva l’intera gamma Riva, e il team ingegneristico dedicato alla progettazione dei nuovi super yacht Riva con il Comitato Strategico di Prodotto Ferretti Group.

SANLORENZO
Anteprima mondiale anche per Sanlorenzo 64Steel Attila: 1.600 tonnellate lorde, 64 metri di lunghezza, cinque ponti e una larghezza massima interna di 12,5 metri, è il più grande yacht finora realizzato da Sanlorenzo. Si tratta di una proposta innovativa grazie a un layout e strutture che hanno permesso a Sanlorenzo di adottare delle soluzioni inedite pensate per rendere massima la vivibilità a bordo, coniugate ad eleganti linee esterne. Tra queste, il main deck a poppa e il beach club sul lower deck rappresentano sicuramente le aree più caratterizzanti del progetto. Un segno forte di design e di layout è la doppia scalinata che collega l’area piscina e pranzo al beach club completato da sauna, hammam, sala massaggi e palestra. Con lo specchio di poppa e le piattaforme laterali aperte, il beach club copre un’area di ben 78 metri quadrati.

TANKOA
Il cantiere genovese schiera il 50 metri S501 Hybrid. Il progetto è stato sviluppato insieme con l’armatore. Il superyacht è spinto da una coppia di MTU 8V4000M54 (895 kW) e due propulsori elettrici (300 kW) guidati da due generatori 250 kW a velocità variabile. Il design degli interni è opera di Francesco Paszkowski Design in collaborazione con Margherita Casprini.  Sul ponte principale, il pozzetto accoglierà un sunbed sovradimensionato, un divano a U, coffee tables e una zona bar. Gli interni comprendono un grande salone, la sala da pranzo, la cucina e una superba suite armatoriale con ufficio e lounge dotata di terrazza apribile a dritta e una grande finestratura apribile a sinistra.

WALLY 
Ammirato all’anteprima mondiale di Cannes, 48 Wallytender sbarca al Monaco Yacht Show da protagonista. L’imbarcazione, di cui sono già state vendute tre unità, offre ampi spazi in coperta e volumi interni generosi senza però intaccare quegli stilemi, come il parabordo che contorna tutto lo scafo, che distinguono il design Wally (Ferretti Group), sintesi di forma e funzione. Gli spazi esterni prevedono comode sedute, ampi prendisole e una zona pranzo servita da una cucina attrezzata. Le sezioni di murata a poppa della barca abbattibili su entrambi i lati sono in dotazione standard, come pure la passerella retrattile, che si trasforma in una pratica scaletta di accesso al mare. I sedili di poppa possono essere rivolti sia verso prua che verso il tavolo da pranzo. Negli interni, il 48 Wallytender offre una suite completa dai grandi volumi, vincendo la scommessa di alzare il bordo libero senza intaccare la purezza delle linee dello scafo. La motorizzazione standard prevede due Volvo IPS 650 – 960 hp totali, per una velocità massima di 38 nodi, ed è dotata di un joystick di manovra per facilitare le fasi d’ormeggio.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *