Guardia Costiera, presentato il calendario 2020

Comments (0) News, Primo piano

Presentato a Napoli il Calendario 2020 della Guardia Costiera, un lungo viaggio attraverso il paesaggio italiano e le sue bellezze naturalistiche: 12 immagini d’autore che ritraggono alcuni dei luoghi più suggestivi della Penisola, incorniciati dalle parole dei grandi della letteratura, a testimoniare l’immenso patrimonio naturale, culturale ed economico del nostro Paese, alla cui tutela uomini e donne della Guardia Costiera dedicano il loro lavoro e l’impegno quotidiano. Il nuovo calendario è stato presentato nella splendida cornice di Castel dell’Ovo, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli. Grafica e stampa sono firmate dall’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato. Unicef, invece, ha destinato i proventi della vendita ai progetti per la protezione dei bambini di tutto il mondo.
Condotto dal giornalista Rai Filippo Gaudenzi, l’evento si è aperto con il saluto del comandante generale delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, ammiraglio Giovanni Pettorino, il quale ha ringraziato per l’ospitalità la città di Napoli, scelta per lo speciale connubio tra le bellezze naturali e le risorse economiche del suo mare, che pongono il golfo partenopeo al secondo posto nel mondo per traffici marittimi.
Successivamente è stato proiettato il video con i protagonisti e i luoghi del calendario: «Scenari unici, paesaggi affascinanti e incantati che non abbiamo ricevuto in eredità dai nostri predecessori, ma in prestito dai nostri figli e che la Guardia Costiera ha l’onore di tutelare – ha sotolineato l’ammiraglio nella sua introduzione – custode di quella risorsa mare che oltre a essere un patrimonio naturale e culturale dal valore inestimabile, costituisce anche una risorsa economica fondamentale per il turismo e le attività produttive del Paese».
«Grazie a preziose collaborazioni professionali, consolidatesi nel tempo e dopo il successo dello scorso anno, abbiamo voluto cambiare il punto di vista dell’opera: il personale del Corpo non più al centro della scena, ma dietro le quinte, a tutelare ogni giorno il patrimonio marittimo e ambientale del Mediterraneo», ha aggiunto il capo ufficio comunicazione del Comando Generale, capitano di Vascello Cosimo Nicastro, in qualità di direttore responsabile del progetto.
Al Calendario 2020 hanno lavorato il capitano di Fregata Floriana Segreto, coordinatrice del progetto, il fotogiornalista Fabrizio Villa, autore degli scatti, e il giornalista Filippo Arriva, che ha scelto i testi attingendo a  un immenso patrimonio letterario per celebrare i luoghi immortalati dal calendario. Sul palco, in rappresentanza della componente di volo, anche il pilota dell’elicottero che ha volato su Napoli in occasione dello scatto del calendario, il tenente di Vascello Simone Ialongo.
A seguire il saluto tra il portavoce dell’Unicef Italia Andrea Iacomini e l’ammiraglio Pettorino, durante il quale è stata sottolineata la pluriennale collaborazione, iniziata nel 2016 con la nomina del Corpo a Goodwill Ambassador dell’Unicef. Oltre 50mila (dal 2015 a 2018) i minori non accompagnati tratti in salvo dalla Guardia Costiera nel Mediterraneo Centrale.
Durante l’evento, inoltre, è stata ricordata la drammatica mareggiata che colpì la Liguria nel 2018, citata in una pagina del calendario 2020. A testimoniare l’impegno della Guardia Costiera in soccorso delle popolazioni colpite, è salito sul palco il capitano di Corvetta Antonello Piras, a quel tempo comandante della Capitaneria di Santa Margherita Ligure.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *