Barcolana51, prove tecniche di spettacolo a Trieste

Comments (0) News, Primo piano, Regate

Barcolana51: Olimpia Zagnoli con Mitja Gialuz

Barcolana51 day 2 all’insegna di Alice, l’installazione in piazza dell’Unità protagonista dell’evento. Olimpia Zagnoli, che ha realizzato per Illy il manifesto di Barcolana51 presented by Generali, è approdata a Trieste per partecipare al festival letterario Barcolana – un mare di racconti e per inaugurare la mostra che raccoglie, in un viaggio lungo trent’anni, i manifesti della regata, aperta al pubblico fino al 13 ottobre nella sede del quotidiano Il Piccolo (via Mazzini 14, piano terra).
“Mi affascina molto la connessione tra natura e contesto urbano – ha spiegato Olimpia Zagnoli – in particolare in una città come Trieste dove il mare caratterizza e influenza la vita di ogni cittadino. Il mare, la natura e la città sono gli elementi che ho voluto fortemente rappresentare nel manifesto della Barcolana51, come simboli semplici e immediati, atti a veicolare una natura fragile e in pericolo che ha bisogno di essere protetta a partire da piccoli gesti quotidiani. Auguro a tutti i partecipanti della Barcolana buon vento e una buona regata in rispetto dell’ambiente”.

UN MARE DI MANIFESTI
In sostanza, la mostra inaugurata nella sede de Il Piccolo è un viaggio nel graphic design che racconta la storia della Barcolana attraverso i manifesti della regata. Un viaggio relativamente recente, che inizia negli anni Novanta, prima con le foto del fotografo ufficiale di allora, Stefano Grasso, quindi con i lavori di Franco Pace, che ha illustrato la regata per due anni, a seguire con le intuizioni di giovani studenti delle accademie d’arte. Si approda poi ai lavori grafici e fotografici di Massimo Cetin e Graziella Miletti, per arrivare agli artisti Marino Cassetti e Giampaolo Amstici e quindi giungere al nuovo corso, ai lavori realizzati da artisti internazionali grazie all’impegno di Illycaffè e al concept del suo direttore artistico, Carlo Bach, e al lavoro dell’art director di Barcolana, Matteo Bartoli (Basiq). Un viaggio tra diversi modi di raccontare Barcolana nel tempo, al ritmo del suo successo e dello sviluppo dell’immagine internazionale della regata. Un viaggio che tiene conto anche dei backstage, degli aneddoti, dell’importante ruolo avuto, nella diffusione dei messaggi di Barcolana, dal poster realizzato da Marina Abramovic per la cinquantesima edizione, ma anche della storia – un po’ dimenticata e un po’ nascosta – del doppio manifesto dell’edizione 41, quando una avvenente sirena apparve come un po’ troppo osé, e le fu modificata la coda, in una versione più morigerata. La mostra, a ingresso gratuito, è aperta fino al 13 ottobre dalle 10 alle 18.

E-SAILING
Conto alla rovescia per la prima edizione della e-Barcolana, l’evento virtuale collegato a Barcolana51 e pronto a diventare il corrispondente online della regata più affollata del mondo su simulatore. Ci si iscrive sul sito www.virtualregatta.com la piattaforma ufficiale delle regate virtuali riconosciuta dalla World Sailing, la federazione internazionale della vela. In palio per la Barcolana virtuale un montepremi per i primi tre classificati.
Come funziona: dal 5 al 7 ottobre si potrà partecipare alle practice race a bordo di monoscafi virtuali, star e J70. L’8 ottobre inizieranno le regate di qualificazione: ogni e-sailor si classificherà in base ai propri migliori 16 risultati. Si creerà così una classifica virtuale, e sabato 12 ottobre alle 10 inizierà la run finale per i primi dieci della super classifica. Alle 19 di sabato 12 ottobre, con commento live sulla tv di virtual regatta, si disputerà il round finale, che comprenderà sei regate di cui l’ultima in versione medal, con punteggio doppio. L’evento è aperto a tutti, in tutto il mondo, contemporaneamente: gli appassionati di e-sailing e gli appassionati di Barcolana potranno misurarsi in un vero e proprio torneo, con regate brevi a bastone, a bordo della versione virtuale dei monotipi J70. Mentre a Trieste si svolgeranno le regate del Barcolana Invitational Venezia Giulia Collio Cup e quelle della Lega Italiana Vela sui veri J70, due tra i più attesi eventi collegati a Barcolana51 presented by Generali, gli stessi monotipi in versione virtuale regateranno su un mare elettronico, con vento simulato e tutte le regole di regata, condotte da e-sailors. Potenzialmente, potrà partecipare all’evento un bacino d’utenza di oltre un milione di persone.

BARCOLANA NUOTA
Intanto sono già 385 gli iscritti alla Barcolana Nuota by Dolomia, al via domenica 6 ottobre alle ore 12: il record di partecipanti è stato già raggiunto ieri, e un tetto massimo è stato posto a quota 400 iscritti, sempre nella filosofia di Barcolana 50+1 di far crescere gli eventi in maniera graduale. L’appuntamento per 1.300 metri tutti da nuotare in Bacino San Giusto è alla sua quinta edizione, e vede quest’anno una grande sfida tra appassionati, nuotatori, pallanotisti e triatleti, coinvolti dagli organizzatori di Let’s Go Triathlon.
“Puntiamo e abbiamo investito tanto su questo evento che organizziamo con la US Triestina Nuoto – ha dichiarato il presidente della SVBG Mitja Gialuz – Barcolana Nuota riflette il nostro spirito, il nostro modo di essere e amare il mare. Di questo evento amiamo la vicinanza tra atleti professionisti e amatori, bambini e master”.
Domenica 6 ottobre alle 11,30 è previsto il briefing (Molo IV), quindi alle 12 verrà data, con gran tuffo collettivo, la partenza. Tutto il percorso sarà visibile via terra, con cronaca amplificata dal vivo. Alle 14 in programma la premiazione. All’evento possono partecipare tutti gli appassionati di nuoto Open Water nati prima del 31 dicembre 2009: è necessario essere in possesso di certificato medico di idoneità alla pratica sportiva agonistica o non agonistica in corso di validità. Gli atleti stranieri dovranno essere in regola con la normativa medica vigente nel proprio Paese. Sono stati poco meno di 300 gli iscritti nel 2018: la vittoria è andata al fotofinish e a sorpresa al master della Triestina Nuoto Enrico Cardinale, che aveva vinto in casa e soprattutto davanti, per pochi centesimi, al campione europeo di nuoto Open Water Marco Urbani. Prima donna si era classificata la promessa padovana Giulia Grasso, bronzo ai campionati Italiani 2018 Open Water. Il vincitore assoluto ha tenuto il tempo di percorrenza di poco sotto i 14 minuti.

BARCOLANA FUN BY SIRAM VEOLIA, IN 8 SQUADRE IN ACQUA PER L’UNDER 21
Sono 8 i team composti da velisti Under 21 che fino a domenica si daranno battaglia nel Campionato Italiano per Club Under 21, organizzato dalla Lega Italiana Vela con la SVBG in occasione di Barcolana51, evento che fa parte di Barcolana Fun by Siram Veolia, con base operativa Portopiccolo a Sistiana. In acqua, a incrociare i propri guidoni per il titolo giovanile più ambito tra le squadre agonistiche dei Club, ci saranno Club Canottieri Roggero di Lauria, Società Velica di Barcola e Grignano, Yacht Club Adriaco, Club Velico Crotone, Circolo Nautico Torre del Greco e Compagnia della Vela Venezia. Il programma prevede per venerdì 4 ottobre, la giornata di prova barche, il team meeting e la tradizionale cerimonia delle bandiere, che apre il campionato con la consegna dei guidoni. In mare, il meglio della gioventù velica italiana, con l’obiettivo di far emergere il proprio yacht club. Si regata sabato 5 e  domenica 6 su una serie di prove a bastone a bordo dei monotipi J70. Le premiazioni sono in programma domenica 6 ottobre alle 16,30. Il team da battere, laureatosi campione italiano per Club nel 2018, nella precedente edizione dell’evento, è quello della Società velica di Barcola e Grignano.

ISCRIZIONI
A otto giorni dall’apertura ufficiale della segreteria regate in Società Velica di Barcola e Grignano, sono oltre 850 gli iscritti già confermati per Barcolana51, insieme con le numerose vincite grazie alla lotteria nautica in collaborazione con Motomarine.

UN MARE DI RACCONTI
Prosegue con grande successo Barcolana – Un mare di racconti, il festival letterario spin-off di Barcolana in corso fino a domenica 6 ottobre al Castello di San Giusto a Trieste. Organizzato con il contributo di Fondazione CRTrieste e Comune di Trieste, il festival ha visto protagonisti, oltre a Olimpia Zagnoli, il giornalista e appassionato sub Pietro Spirito; Andrea Maggi, il professore televisivo che ha spopolato in tivù con il docu-reality Il collegio; Andrea Tarabbia Premio Campiello 2019 con Madrigale senza suono; Luca Di Fulvio, lo scrittore italiano che in Germania rivaleggia in fatto di copie vendute con mostri sacri come Dan Brown e Jeffery Deaver. In serata il pubblico del festival ha potuto conoscere l’avventurosa vita di Sir Richard Burton, traduttore delle Mille è una notte, anche console britannico a Trieste, raccontata in un nuovo libro edito da Comunicarte presentato al pubblico da Franco Farinelli, Giovanni Modaffari, Sergio Zilli, Riccardo Cepach e Mick Walton. Finale di giornata al Cinema Ariston dove, in collaborazione con mediateca La Cappella Underground e associazione Casa del Cinema di Trieste, è stato ospite il regista Andrea Segre con il suo film il pianeta mare, presentato fuori concorso alla Mostra di Venezia 2019.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *