Rizzardi INsix, schizzi “rubati” del nuovo 62′

Comments (0) Barche a motore, Cannes Yachting Festival, Cantieri

Rizzardi INsix: il progetto

Svelate le prime linee del nuovo RIZZARDI INsix, primo esemplare di una gamma destinata a stupire e a consolidare la propria posizione di mercato, quella dei grandi open, che ha sempre visto Rizzardi protagonista sulla ribalta internazionale.
Il concept del primo modello dello storico cantiere di Sabaudia è stato lungamente studiato in fase progettuale e solo ora, dopo mesi di lavoro, si intravedono le prime linee che comunque mostrano un’impronta decisa e contemporanea. Il cantiere non svela però le forme nella sua completa integrità. Obiettivo: creare grande suspence intorno al progetto lasciando ancora seminascosti i tratti definitivi della barca anche se il family-feeling delle linee rispetta i tratti distintivi degli open Rizzardi in grado di differenziarsi a prima vista da altri player del settore. Di certo si conoscono gli aspetti tecnici e di interior design che costituiscono l’asse portante del lavoro progettuale.
Per il nuovo Rizzardi INsix lo Style Department ha collaborato con Maver Design per le linee esterne e con lo studio Galeazzi e Minotti per layout e decor degli interni. Il look è aggressivo e al contempo elegante. La tipologia rispecchia quella dei grandi open con hard-top e accesso sottocoperta tramite grande porta a vetro la quale, in posizione aperta, esalta l’impatto estetico del piano di coperta evidenziando una grande area contigua tra ambiente esterno ed interno.
Rizzardi INsix è stato pensato per essere veloce e confortevole al contempo. Un 62 piedi dalle dimensioni importanti anche se la barca è studiata per essere condotta in modo autonomo e per il contenimento dei costi di gestione. Viene proposta all’armatore la scelta del layout interno. Le versioni ipotizzate inizialmente sono due: la prima con 3 cabine, 3 bagni (ognuno con cabina doccia) e la cabina marinaio mentre la seconda versione prevede 4 cabine più la cabina marinaio. Gli interni sono personalizzabili su richiesta del cliente anche nelle finiture mentre sulle sovrastrutture esterne sono previsti elementi in carbonio come il portellone di poppa ed il tetto apribile che contribuiscono a valorizzare l’insieme. Il garage ospita un tender fino a 3,3 metri di lunghezza.
Per quanto riguarda gli aspetti tecnici, la potenza installabile in sala macchine risulta variabile a scelta dell’armatore tra i due MAN da 1200 hp ciascuno fino ai più potenti 1550 hp. La propulsione è garantita da trasmissioni di superficie Top-System che, sostenute dal sistema Easy-trim garantiranno allo yacht non solo livelli prestazionali d’eccellenza ma anche la planata a bassa velocità. La manovrabilità sarà affidata al joystick in plancia di comando.
La presentazione è prevista in settembre al Cannes Yachting Festival 2019.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *