Fincantieri, Sky Princess nuova regina dei mari

Comments (0) Cantieri, Grandi Navi/Crociere, News

  • Fincantieri: l'ad Giuseppe Bono
    Fincantieri: l'ad Giuseppe Bono
  • Sky Princess (Gruppo Carnival)
    Sky Princess (Gruppo Carnival)

Consegnata nello stabilimento di Monfalcone Sky Princess, quarta unità della classe Royal Princess, costruita da Fincantieri per la società armatrice Princess Cruises, la compagnia da crociere premium in più rapida crescita e brand del gruppo Carnival Corporation, primo operatore al mondo del settore crocieristico.
Con questa nave salgono a 17 le unità che Fincantieri ha consegnato a Princess Cruises, tutte costruite presso il cantiere di Monfalcone. Sky Princess è la prima ad essere appositamente costruita con la Princess MedallionClass, una tecnologia all’avanguardia che offre un servizio personalizzato su larga scala attraverso una migliore interazione tra ospiti e personale, oltre a consentire un intrattenimento di tipo interattivo.
Alla cerimonia sono intervenuti il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianluca Castaldi, Micky Arison, chairman di Carnival Corporation, Arnold Donald, president e ceo di Carnival Corporation, Stein Kruse, Group ceo di Princess Cruises, Holland America Line, Seabourn, Carnival Australia e Carnival UK, e Jan Swartz, Group president di Princess Cruises e Carnival Australia. Gli ospiti sono stati accolti dall’amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono.
«Cresciamo a ritmi accelerati – ha detto Bono nel suo intervento – Ma questo obbliga a una grande fatica, perché occorre pensare sempre a una continua riorganizzazione. Tuttavia non vediamo quella spinta imprenditoriale per cui l’Europa è diventata leader nel manifatturiero. Questa è la diciassettesima Princess che consegniamo, arriveremo a 23. Il legame con il gruppo Carnival, è stato, è e sarà per Fincantieri un punto fermo.  Siamo al top nel mondo, nessuno come noi fa tante cose contemporaneamente. E per quanto riguarda questa nave, è stato fatto un gran bel lavoro. Ma se vogliamo mantenere il ruolo raggiunto nel panorama internazionale – ha concluso Giuseppe Bono – non possiamo permettere derive da parte di nessuno, a partire dal sottoscritto».
La nuova unità, con una stazza lorda di 145mila tonnellate e la capacità di ospitare fino a 4.610 passeggeri in 1.830 cabine (oltre a 1.411 membri dell’equipaggio), è realizzata sulla base del fortunato progetto delle gemelle Royal Princess, Regal Princess e Majestic Princess, costruite sempre nello stabilimento di Monfalcone a partire dal 2013, che hanno inaugurato una nuova generazione di navi che hanno riscontrato un enorme successo tra il popolo dei  crocieristi. Questa classe proseguirà con Enchanted Princess e Discovery Princess, che saranno consegnate rispettivamente nel 2020 e nel 2021. La nave, al pari di quelle della stessa classe che l’hanno preceduta, rappresenta un punto di riferimento tecnologico a livello europeo e mondiale per il lay-out innovativo, le elevatissime performance e l’alta qualità di soluzioni tecniche d’avanguardia ed è la migliore prova che innovazione e cura del rapporto con il cliente sono leve imprescindibili per affermare la leadership di Fincantieri sul mercato e consolidare ulteriormente la sua storica partnership con il Gruppo Carnival, primo operatore al mondo del settore crocieristico.
Il rapporto tra il cantiere di Monfalcone e Princess Cruises proseguirà con due navi da crociera di prossima generazione da 175mila tonnellate di stazza lorda, che saranno le più grandi realizzate in Italia. Le consegne sono previste per la fine del 2023 e la primavera del 2025. Le unità ospiteranno circa 4.300 passeggeri e saranno le prime della flotta dell’armatore ad essere alimentate primariamente a gas naturale liquefatto (LNG).
Dal 1990 a oggi Fincantieri ha costruito 95 navi da crociera (di cui ben 72 dal 2002), 68 per i diversi brand di Carnival Corporation. Altre 49 unità sono in costruzione o di prossima realizzazione negli stabilimenti del Gruppo.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *