Fidatevi, a bordo vi basta un Soffio

Comments (0) Wine boat

Soffio

(di Erika Mantovan) Avete presente al mattino, quando il sole è sorto ma non abbastanza da rendere l’acqua più colorata? Quando il blu sembra grigio ed è un tutt’uno col cielo? Generalmente questo è l’orario più giusto per la partenza. Basta un soffio, la randa è aperta e si va. Tra le onde il sale invade il pensiero e ci indica la struttura dell’acqua. E poi ci sono le curve del mare e quando ci si ferma per un Soffio, appunto, troviamo un vino sapido, intenso, per così dire minerale e fresco. È qui che la magia di stare in mare diventa doppia. Due mondi in uno che amplificano gli orizzonti in cui le onde delle colline sono appena visibili. Tempo di metter giù l’ancora e si stappa una bottiglia della Toscana. Di Lucca, ad esser precisi, le cui uve nascono in vigneti biologici in una sola collina a San Macario.
Il talentuoso e carismatico Samuele Bianchi decide nel 2003 di catapultarsi nel mondo del vino e di navigarci con le sue regole, con i suoi gusti coadiuvato da una squadra di lavoro che prima di esser collaborativa e professionale, è amica. Si piantano cloni diversi di Sangiovese, Chardonnay e a sorpresa di Petite Manseng (uva francese proveniente dai Pirenei). Mentre la produzione prende il via si attrezza al meglio la cantina (ultimata nel 2010) per gestire i 2 ettari e mezzo di vigne. E nel percorrerle trovi sempre il vento a tenere alta l’attenzione che spinge a guardarti lontano. E poi c’è sempre quel soffio, un respiro. Come in una baia delle isole dell’Arcipelago della Maddalena. E si apprezza la purezza e la trama compatta, fresca e salina in un vino che profuma di zenzero, mela verde e lime. Cattura al palato – è come una corda che si tira – e dà sicurezza. E il gusto avvolge, conferma una solidità, una freschezza con aromi “notturni”, più umidi (erba tagliata e pioggia) salvo poi virare e ritornare nel finale con note più calde e burrose.

Info: ilcalamaiovini.it
Prezzo:13 euro

 

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *