Cranchi T36 Crossover, il botto del Boot

Comments (0) Düsseldorf Boot Show, News, Primo piano

  • Cranchi T36 Crossover al Boot Düsseldorf
    Cranchi T36 Crossover al Boot Düsseldorf
  • La barca vista da poppa
    La barca vista da poppa

(dal nostro inviato a Düsseldorf) Non è più l’oggetto misterioso. Sparisce la X del progetto iniziale ed ecco il vero Cranchi T36 Crossover che svela tutti i suoi segreti al Boot Düsseldorf 2018. Vederlo da vicino, toccarlo con mano… Beh, cari lettori, questo è davvero un gioiello. Gentedimare2.0 ha parlato a lungo del progetto, ma l’opera viva è tutt’altra cosa, a cominciare dai volumi interni mai visti su una barca di 10 metri. Non a caso, a poco meno di due ore dall’apertura ufficiale del salone nautico tedesco, davanti allo stand dello storico cantiere di Piantedo (Sondrio) si era radunata una piccola folla. Che sia davvero il botto del Boot?
Cranchi T36 Crossover ha grinta e muscoli da vendere, ma anche un tocco sportivo con il quale Christian Grande che ha voluto sfidare l’impossibile. Crossover, quindi, ma anche trawler grazie alla grande finestratura che avvolge il salone centrale. Sorpresa? Sì! Non è facile trovare un salone su una barca di queste dimensioni, praticamente un natante omologato 9,98 metri ma che fuori tutto di metri ne conta 11,85. Meraviglie e magie, tuttavia, non finiscono qui.
Il ponte inferiore, infatti, offre tre cabine vere, con quella più a poppa che non ha nulla da invidiare a una barca di dimensioni più grandi: cuccette orientate per baglio e con molto spazio non solo sopra i letti ma anche nel disimpegno. Molto accogliente anche la cabina matrimoniale con pianta a V a prua. Letti sovrapposti per la terza cabina a centro barca, con spazi apprezzabili. Cranchi T36 Crossover, comunque, viene proposto anche nella versione a due cabine e due bagni. A poppa il pozzetto si affaccia su una plancia spaziosissima, con grill-cucina che si apre alle spalle del divano. I passavanti, comprensibilmente, non sono larghissimi ma due robusti tientibene endono il passaggio comodo e agevole.
A prua c’è un grande prendisole che può essere ombreggiato con tendalino con quattro aste in carbonio, esattamente come avviene su barche più grandi.
L’hard top  può essere dotato di selle di bloccaggio che consentono di ospitare due mountain bike Bottecchia, oppure uno stand up paddle o una canoa.
Infine le prestazioni: Cranchi dichiara una velocità massima di 32-34 nodi grazie ai idue Volvo Penta D4 efb da 300 hp ciascuno, con un consumo di 98 litri-ora (2,9 litri per miglio nautico), mentre la velocità di crociera è di circa 27 nodi. Il prezzo? 299mila euro (Iva esclusa).

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *