Benetti Metis, ai tedeschi piace il made in Italy

Comments (0) Barche a motore, Cantieri, News

  • Benetti Metis, il varo a Livorno
    Benetti Metis, il varo a Livorno
  • Tutti i "muscoli" dell'imponente prua
    Tutti i "muscoli" dell'imponente prua

Battesimo del mare per Benetti Metis, megayacht full custom di 63 metri destinato a un armatore tedesco (che si è avvalso della collaborazione di Kurt Lehmann di Yacht Moments), firmato da Giorgio M. Cassetta per gli esterni e da Bannenberg & Rowell e Birgit Otte Interior Design per gli interni.
Benetti Metis si distingue per l’innovativa configurazione delle aree living e per l’appartamento armatoriale di oltre 160 metri quadrati, illuminato da luce naturale che filtra attraverso le grandi vetrate che lo circondano.
“Per noi ogni varo è sempre motivo di grande orgoglio – dice Franco Fusignani, ad Benetti – ma quello di Metis lo è in modo particolare: il suo armatore, insieme con Yacht Moments, ci ha dato l’occasione di farci largo in un mercato strategicamente importante e altamente competitivo nella cantieristica mondiale come quello della Germania. Siamo molto felici di essere ancora una volta i portavoce del made in Italy nel mondo. Siamo riusciti a rispettare l’eccelso livello di qualità che da sempre caratterizza i nostri prodotti e a soddisfare tutte le richieste del cliente, anche quelle pervenute in corso d’opera, come l’aggiunta sul fly deck di una palestra di 20 metri quadrati completamente personalizzata”.
Evidente la soddisfazione del fortunato armatore: “Benetti – spiega – ha confermato di essere un’eccellenza della nautica mondiale per qualità e affidabilità. Il cantiere ha saputo interpretare perfettamente ogni mia esigenza. In particolare, sono molto soddisfatto della cabina armatoriale, così unica e originale, grande esempio di una customizzazione impeccabile”.
Costruito con scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio, il layout di Benetti Metis si sviluppa su 5 ponti. Giorgio M. Cassetta Design ha voluto esaltare le proporzioni dinamiche dello yacht, caratterizzato da una lunga prua con dritto verticale molto imponente, disegnando volumi puliti e morbidi ed esaltandone la tridimensionalità attraverso un accurato avviamento delle superfici.
Per gli interni, lo studio londinese Bannenberg & Rowell ha introdotto un nuovo approccio progettuale che ha portato a un particolare layout asimmetrico. Il beach club, il salone principale sul main deck e l’area lounge dell’upper deck risultano ruotati di circa 30 gradi rispetto alle configurazioni tradizionali, e rivelano nuovi punti di osservazione sul mare. Il risultato finale è uno yacht dallo stile moderno e lineare in cui sono protagonisti materiali come carbonio e rovere sbiancato, impreziosito da inserti in pelle. In collaborazione con la designer tedesca Birgit Otte, gli arredi interni sono stati disegnati e disposti singolarmente in modo da creare un ambiente lussuoso ed elegante.
Altro tratto distintivo di Benetti Metis è senza dubbio l’appartamento dell’armatore che garantisce una assoluta privacy. Esteso su una superficie di 162 metri quadrati, offre una straordinaria vista panoramica grazie alle finestrature che lo circondano quasi interamente e che regalano a tutta l’area una luminosità eccezionale. Oltre alla cabina master, la zona dedicata all’armatore comprende due bagni con relative cabine armadio e una spaziosa zona giorno con divano e televisore. L’appartamento si completa con una bellissima terrazza esterna a livello di 55 metri quadrati e l’helipad touch and go.
Il main deck, infine, è dotato di un salone con zona relax e un’area pranzo, un’area giochi dedicata ai bambini e due cabine, una doppia eduna per la baby sitter, mentre sul lower deck sono situate quattro ampie cabine ospiti, una zona equipaggio per 12 persone e il beach club di poppa. Sul ponte più alto, il bridge deck, la plancia di comando, con annessa cabina del comandante, è a proravia. A poppa, lo spazio lounge esterno è arredato con tavolo da pranzo, bar, jacuzzi e zona prendisole.

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *