Cdm, nuovo Explorer per Floating Life

Comments (0) Barche a motore, Cantieri, News

Il nuovo Explorer del Cantiere delle Marche

Cantiere delle Marche costruirà una nuova unità one-off di 42 metri (499 Grt). Il nuovo Explorer vessel rientra nel progetto Serie-K di cui Floating Life è project manager e titolare unico. Questo progetto è il risultato di un lavoro di team che vede coinvolti, oltre al Cantiere delle Marche, Floating Life per lo studio della carena – realizzata sulla base di una piattaforma tecnica testata in vasca navale – e lo Studio Sculli di Sarzana, al quale è stato affidato l’interior e l’exterior design. L’architettura navale del nuovo Explorer verrà sviluppata in collaborazione con lo Studio Hydrotec. Il nuovo Explorer, la cui consegna è prevista entro la fine del 2018, si aggiunge alle altre cinque imbarcazioni, tutte oltre i 100 piedi, già in costruzione nel cantiere di Ancona.
L’acquisizione della nuova commessa ha inoltre consentito al management CdM di comunicare ufficialmente la nascita di una nuova business unit, dedicata esclusivamente alla realizzazione di progetti diversi da quelli previsti nelle due ormai famose linee: Nauta Air e Darwin Class. La nuova CdM One-Off Unit gestirà progetti nuovi proposti dai propri clienti facendo però sempre attenzione che rispecchino e siano coerenti con il dna del marchio, vale a dire sovraingegnerizzazione, grandi autonomie, originale uso degli spazi, robustezza, qualità di ogni dettaglio.
La gestione di questi progetti non andrà a penalizzare la produzione delle due linee Nauta Air e Darwin Class per le quali i team di lavoro resteranno i medesimi (anche per fare tesoro e consolidare il know how acquisito e in costante crescita su quegli specifici modelli). La One-Off Unit, infatti, dovrà sviluppare, realizzare e consegnare esclusivamente un progetto ogni 18-24 mesi e i team dedicati saranno specificamente creati per tali progetti.
Perché la costituzione di una business unit separata e dedicata a progetti one-off? L’esperienza maturata in questi anni ha portato l’azienda a contatto con armatori, designer e progettisti di tutto il mondo, con diversi stili e influenze che spesso sono risultati in linea con i valori e la mission del cantiere, ma che non trovavano collocazione nelle due linee Nauta Air e Darwin Class. Nella costante volontà di miglioramento e aggiornamento dei propri principi e tecniche costruttive, Cantiere delle Marche ha quindi deciso di affrontare un numero ridotto e ben identificato di progetti, che rimangano coerenti alla mission aziendale e a quei valori che hanno fatto di CdM il leader mondiale nel suo settore. Questo permetterà di investigare nuove modalità, processi diversi, uso di materiali e design che permetteranno di costruire yacht di alto livello con conseguente ricadute positive sulle linee esistenti. In sostanza si tratta di un vero e proprio laboratorio creativo sperimentale in cui nascono le idee di domani costruendo gli yacht di oggi.
CdM One-Off Unit, inoltre, è già al lavoro su un nuovo progetto per la consegna di un ulteriore exploreryacht custom per il 2019 che presenta altre interessanti caratteristiche innovative. Uno yacht che potrebbe ridefinire ancora una volta il concetto di Explorer (come è accaduto per la gamma Darwin prima e Nauta Air poi).

.

 

Riproduzione riservata © Copyright Gentedimare2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *